Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11°11° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 16 dicembre 2019

Cronaca domenica 03 novembre 2019 ore 09:22

Fossi colmi e strade allagate

Le piogge intense della notte hanno provocato disagi soprattutto fra i comuni di Calcinaia, Pontedera, Smam, Castelfranco, Montopoli e San Miniato



CASTELFRANCO DI SOTTO — Le forti precipitazioni che si sono abbattute nella notte appena passata hanno provocato allagamenti e disagi nell'area est della provincia di Pisa, fra Cuoio e Valdera.

Sono stati circa 60 gli interventi di vigili del fuoco, dovuti principalmente ad allagamenti e qualche smottamento, ma non risultano situazioni di particolare pericolo né persone coinvolte. 

Le zone particolarmente colpite sono state quelle di Montopoli, Santa Maria a Monte, Calcinaia, Pontedera, San Miniato e Castelfranco di Sotto, dove la situazione è stata monitorata ora dopo ora anche dal primo cittadino. 

Nel comune di Pontedera colpite da allagamenti soprattutto le frazioni, mentre nel comune di Calcinaia ad andare ko sono stati i sottopassi di Fornacette. Strade allagate anche a Ponsacco, dove per tutta la notte hanno operato quattro squadre Vab.

I maggiori disagi si sono però registrati nella zona del Cuoio. A Santa Maria a Monte sono stati chiusi il tratto di via Arnovecchio all'incrocio con via Firenzuola - un'auto vi è rimasta bloccata - e un tratto di via Navetta, dall'incrocio con via San Donato in direzione del cimitero.

Disagi anche nelle frazioni di San Miniato, per smottamenti in via Aldo Moro, via Maremmana e via Catena. Una donna è rimasta bloccata con l'auto in un sottopasso allagato, sempre nel comune San Miniato, ed è stata soccorsa. A Montopoli sono stati chiusi i sottopassi di San Romano.

A Fucecchio, a causa di allagamenti diffusi, il Comune ha attivato alcune squadre di protezione civile.

Attorno alle 5 il sindaco di Castelfranco Gabriele Toti ha spiegato che "i fossi consortili di scarico delle acque, le dogaie ed il collettore antifosso sono sempre al massimo della capienza. Per fortuna stanno scaricando le fognature bianche e questo permette che si stiano liberando le zone interne di Castelfranco che avevano problemi di ristagni sulla strade. Per molto tempo a causa della grandissima quantità di pioggia caduta, i canali non ricevevano, facendo "ritornare indietro" l'acqua presente nelle fognature. Grazie ai volontari della Croce Rossa, intervenuti con una idrovore acquistata con la collaborazione del Comune, è stata tolta l'acqua che si trovava al piano basso di via Bachelet. Nella zona di campagna si trovano ancora alcuni fossi che rasentano il livello della strada, per questo occorre molta prudenza".



Tag

'Ndrangheta in Valle d'Aosta, Fosson si dimette da presidente: «Totalmente estraneo ai fatti»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca