Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 15 novembre 2019

Cronaca venerdì 14 giugno 2019 ore 15:59

Montecristo, il peschereccio è semiaffondato

Il motopeschereccio semiaffondato

Monitoraggio in corso per evitare lo sversamento di carburante in mare nell'area di protezione speciale del Parco nazionale Arcipelago toscano



PORTOFERRAIO — E' semiaffondato il motopeschereccio di base a Porto Santo Stefano che la notte del 12 Giugno si è incagliato sulla costa est dell’isola di Montecristo, all’interno della zona di protezione speciale del Parco nazionale dell’arcipelago toscano.

La Guardia costiera di Portoferraio, dopo diversi tentativi di mettersi in contatto con il mezzo, aveva autorizzato il mezzo navale ad entrare nell’area interdetta alla navigazione per prestare la prima assistenza all’equipaggio.

Sul posto erano inoltre intervenute le motovedette della Guardia Costiera, che hanno portato in salvo i quattro membri dell’equipaggio. Vista la presenza di circa 6.000 litri di carburante a bordo, la Guardia Costiera di Portoferraio ha attivato subito il piano operativo locale antinquinamento e il ministero dell’Ambiente è intervenuto inviando un mezzo della flotta nazionale antinquinamento, che ha posizionato delle panne assorbenti per circondare l’area interessata e contenere così eventuali sversamenti.

“Seguo costantemente l’evolversi della situazione. Al momento non sono segnalate fuoriuscite di sostanze inquinanti. - aveva dichiarato ieri sera il ministro dell'Ambiente Sergio Costa -  La società armatrice è stata diffidata al recupero del mezzo e a porre in essere ogni azione utile per evitare l’inquinamento del mare. Attendo con ansia l’esito delle indagini che dovranno chiarire cosa ci facesse un peschereccio in un’area off limits non solo alla pesca ma anche ai bagnanti, nella quale è vietato il passaggio di qualsiasi mezzo navale”.

Attualmente non ci sono sversamenti e la situazione è sotto controllo, come ha spiegato il capitano di Fregata, comandante della Capitaneria di Porto di Portoferraio, Agostino Petrillo.

Sul posto, oltre a mezzi e personale della Capitaneria di porto di Portoferraio, è presente il mezzo navale antinquinamento inviato dal Ministero dell'Ambiente che ha approntato tutte le precauzioni per scongiurare danni all'ambiente dell'isola protetta.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca