Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°26° 
Domani 15°22° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Attualità mercoledì 03 febbraio 2016 ore 13:32

E' sempre più emergenza abitativa

servizio di Serena Margheri

Oltre 29mila domande ai Comuni per chiedere una casa di edilizia pubblica, 1900 alloggi non ancora assegnati e gli sfratti sono aumentati del 15%



FIRENZE — Questi alcuni dati allarmanti che testimoniano l'emergenza abitativa in Toscana. Cgil Cisl e Uil Toscana e i sindacati degli inquilini Sunia, sicet, Uniat e Unione Inquilini lanciano un appello a Comuni e Regione per sostenere l'edilizia pubblica. 

I sindacati chiedono la riattivazione del tavolo regionale di confronto in tema di politiche abitative e propongono cinque modifiche alla legge regionale 41/2015, un messaggio di richiesta d'ascolto di fronte ai numeri preoccupanti in Toscana, che conta 29 mila domande per alloggi Erp e 1.900 case popolari non assegnate, per la mancanza di risorse per ristrutturarle. Cgil Cisl e Uil chiedono anche il recupero dei 180 milioni di euro dirottati verso il trasporto pubblico locale.

Cgil, Cisl e Uil contestano un eccesso di delega ai Lode, i consorzi dei Comuni che organizzano le politiche abitative, cosa che attualmente porta a una diversità tra Comune e Comune dei criteri seguiti per concedere un alloggio. Inoltre chiedono che vengano ricalibrate la certificazione dei possedimenti immobiliari e la valutazione Isee, considerata troppo sbilanciata nei confronti delle famiglie numerose.

Altro punto critico è la scarsa valorizzazione della precarietà abitativa come parametro per accedere ad un appartamento sociale e, al tempo stesso, viene considerata vulnerabile la legge regionale nella sua capacita' di contrastare i furbetti. 

A livello toscano la programmazione pubblica prevede la costruzione di 1.238 alloggi in un arco temporale di 8 anni, mentre arriveranno circa 23 milioni di euro da Roma per risanare e rendere agibili le 1.900 case popolari attualmente non assegnabili. 

Il contesto sociale, resta pesante, perché gli sfratti sono aumentati in un anno del 15,5 per cento. Queste le zone più colpite dall'emergenza sfratti: Pisa dove l'incremento è stato del 127,2 per cento, Livorno +42,4 per cento, Grosseto + 23%, Firenze +17,1 per cento. Ogni 100 provvedimenti di sfratto il 95,4 per cento sono per morosità, e 150 famiglie su mille hanno presentato domanda per avere un alloggio Erp e nei prossimi 8 anni è prevista la costruzione di soli 1.283 alloggi. 

Quindici famiglie ogni 1000 in Toscana hanno chiesto un contributo pubblico per il sostegno all'affitto.

MAURIZIO BROTINI SU EMERGENZA CASA - video
FRANCESCA CANTINI SU EMERGENZA CASA - video


Tag

Il premier Conte ad Atreju: «Mai frequentato il Pd e mai avuto la loro tessera»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità