Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 13 novembre 2019

Attualità giovedì 18 febbraio 2016 ore 09:30

La minaccia dei meticci di lupo

Questa una delle osservazioni che la Regione Toscana presenterà allla prossima riunione del "Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia"



FIRENZE — Nel corso della riunione del Comitato paritetico per la biodiversità è stato deciso che ogni Regione e provincia autonoma invierà, in un arco di tempo ristretto, le proprie osservazioni e proposte, in modo da integrare il testo che verrà nuovamente discusso in una prossima riunione.

E' quanto si legge in una nota della Regione Toscana. Le osservazioni, spiega la Regione, "terranno conto anche dei dati e rilevamenti scientifici, ottenuti grazie alla collaborazione con il Cirsemaf (Centro interuniversitario di ricerca sulla selvaggina) sulla presenza del lupo e degli ibridi nel territorio regionale e porrà la questione degli ibridi, ovvero meticci di cane e lupo, che sono in aumento e rappresentano, oltre che una seria minaccia e un alto costo per la collettività, un grave pregiudizio per la conservazione e la salvaguardia del lupo in purezza". 

Il Piano è il primo ad essere presentato dopo 14 anni. "L'ultimo - si rileva dalla Regione - risale infatti al 2002 e, come è stato fatto rilevare nel corso dell'incontro, era calato su una realtà molto diversa da quella attuale. Fra le varie azioni previste dal piano c'è anche la possibilità di una deroga, da concedersi a seguito del parere di Ispra, istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, dopo valutazione caso per caso, al divieto di prelievo del lupo. La deroga, secondo quanto è stato spiegato dal professor Luigi Boitani, dell'Unione zoologica italiana, che ha curato il piano, è prevista dalla direttiva europea Habitat, al verificarsi di una serie di condizioni rigidamente codificate, alle quali il piano ne ha aggiunte di ulteriori".



Tag

Remix, video e parodie: quando lo sfottò social rende il politico «pop»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca