Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 22°36° 
Domani 23°34° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 23 luglio 2019

Attualità mercoledì 28 settembre 2016 ore 15:00

Con droni e satelliti si controllano le cave

Progetto speciale della Regione insieme ad Arpat per garantire più sicurezza ai lavoratori e per fermare il fenomeno dei fiumi bianchi



FIRENZE — Il Progetto speciale cave prevede droni, foto dal satellite e assunzione di nuovo personale per garantire più sicurezza per i lavorativi durante i processi estrattivi e per fermare lo sversamento della marmettola, lo polvere bianca prodotta dalla lavorazione del marmo, nei fiumi.

La giunta regionale ha approvato la delibera che prevede un investimento da un milione e 480mila euro per due anni. Arpat, che è il braccio operativo, assumerà 12 nuove professionalità che si occuperanno dell'attività di verifica e controllo. 

Il territorio delle 170 cave attive sarà sorvegliato appunto da droni e fotografato dai satelliti. I controlli dei processi estrattivi nelle cave passeranno ad essere 60-70 all'anno, a fronte dei 15-20 di adesso.

Altro importante punto è la lotta alla marmettola. Verrà costantemente controllata la risorsa idrica con delle sonde per valutare dove e come c'è la presenza della marmettola. Questa polvere uccide flora e fauna dei fiumi, rendendoli di color biancastro. Inoltre si deposita sul fondo e talvolta può alzare il livello delle acque.

Oltre al progetto dei controlli è prevista entro pochi mesi la preparazione di apposite linee guida che serviranno a favorire l'adozione di metodi di lavorazione che riducano l'inquinamento dovuto alla marmettola. La polvere di scarto potrebbe anche essere reciclata per realizzare, ad esempio, mattoni bianchi. 

Servizio di Renè Pierotti


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca