Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°33° 
Domani 19°31° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 19 agosto 2019

Attualità mercoledì 25 novembre 2015 ore 15:51

Senza parco della Piana niente aeroporto

In Consiglio regionale Enrico Rossi ha dettato le sue condizioni per il via libera al potenziamento del Vespucci. Compatto il Pd, opposizioni furiose



FIRENZE — Enrico Rossi ha messo tre paletti imprescindibili: la firma di un accordo di programma che veda coinvolti tutti i soggetti pubblici, dal governo ai comuni, a quelli privati, interessati dall'opera; la creazione di un osservatorio di impatto ambientale che monitori la fase di cantierizzazione; un piano di riordino della Piana. 

Il che significa che mentre procederanno i lavori per la costruzione del nuovo aeroporto, con la realizzazione parallela delle relative opere compensative come il boschetto che dovrò prendere il posto dell'attuale pista, si dovrà iniziare a costruire anche la terza corsia dell'autostrada adiacente, il collegamento autostradale con il ponte all'indiano, il potenziamento della linea ferroviaria verso Prato e un parco agricolo da 7000 ettari.

Se tutto questo avverrà il governatore è pronto a dare l'assenso alla realizzazione della nuova pista da 2.400 metri, altrimenti la Regione farà proprio il parere negativo arrivato dall'ufficio tecnico che ha giudicato insufficienti le informazioni contenute nel masterplan per farsi un'idea precisa degli impatti ambientali, acustici e non solo.

Dopo la relazione del governatore si è aperto il dibattito in Consiglio, con il Pd che ha approvato una risoluzione che mette altri paletti tra cui la monodirezionalità della pista e il tetto massimo dei 4  milioni di passeggeri per Firenze. 

Critiche le opposizioni: secondo la Lega il progetto sarebbe da abbandonare per puntare su un collegamento veloce su rotaia tra Pisa e Firenze;  il Movimento cinque stelle e Si - Toscana a sinistra hanno puntato il dito invece contro il mancato ricorso alla legge sulla partecipazione e hanno chiesto a Rossi di portare a Roma lòe criticità espresse dai tecnici della Regione; Forza Italia e Fratelli d'Italia hanno invece definito ipocrita il governatore per aver imposto nel Pit il limite di 2000 metri per la nuova pista solo a scopo elettorale. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Cronaca

Attualità