Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°32° 
Domani 21°32° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 26 giugno 2019

Politica lunedì 20 giugno 2016 ore 14:36

Vince l'idea di futuro di Vivarelli Colonna

Antofrancesco Vivarelli Colonna

Ecco le sensazioni, i ringraziamenti e i programmi della nuova pagina politica che ha iniziato a scrivere il nuovo sindaco di Grosseto



GROSSETO — Dopo il risultato al primo turno, si aspettava questa conferma scacchiante al ballottaggio? Abbiamo lavorato con passione e tenacia per oltre 6 mesi: abbiamo stretto mani, incontrato gente, raccontato ai cittadini la nostra idea di futuro. Abbiamo avuto spesso l’impressione che la nostra proposta diventasse condivisa ogni giorni di più dai grossetani. Il successo di oggi è il frutto di tutto questo lungo lavoro.

Il centrodestra unito riesce a vincere. Vuole spendere alcune parole sula maxi coalizione Viva Grosseto che è riuscita ad avvicinare anche l'Udc?
Il viaggio che abbiamo intrapreso è stato un percorso fatto di plurali. Siamo consapevoli che solo con la forza di tutti e con la volontà di condividere una visione, possiamo fare quello che abbiamo in mente e nel cuore. Per dare alla nostra città un futuro migliore. La nostra forza è stata quella di essere, fin da subito, uniti e coesi in maniera granitica, così tanto da aggregare anche l’Udc.

Pensa sia stata determinante, per il ballottaggio, la proposta fatta ai pentastellati? O si è giocato tutto sulla volontà dei grossetani di cambiare?
È capitato spesso, durante la consiliatura appena trascorsa, che le opposizioni abbiano lavorato, con una visione unitaria, su alcuni temi particolarmente sentiti. Credo quindi che già ci fosse una sintonia di vedute ma sono convinto che la nostra proposta di cambiamento reale abbia aggregato consensi nelle due settimane che hanno preceduto il ballottaggio in un’area più vasta.

Dopo questa breve analisi, quali saranno i primi obiettivi della nuova amministrazione? Mi adopererò per istituire immediatamente un tavolo per la sicurezza pubblica. Ci attiveremo per capire come poter abbassare sensibilmente il carico fiscale per famiglie e aziende. Infine sarà iniziato uno studio approfondito per poter poi intervenire sugli sprechi.

Ha già qualche idea per la sua giunta? Il nostro impegno, in questi mesi, è stato quello di scrivere il programma e farlo conoscere, incontrando i cittadini di Grosseto e frazioni. Così facendo, ho avuto la fortuna di conoscere tanti talenti, figli di questa città, e con loro sono pronto a guidare il Comune: considerando i risultati dell’urna, metteremo in campo con una squadra di assessori competenti scelti in base alle capacità.

I cittadini le hanno affidato la città, cosa vuole dir loro?
Che lavoreremo per loro, giorno dopo giorno, per restituire bellezza e benessere a Grosseto. Negli ultimi 10 anni, la città è cambiata in maniera drammatica e disomogenea: all’aumento della popolazione, per esempio, non si è accompagnata una programmazione efficace dei servizi. Il degrado della qualità della vita che oggi subiamo, misurato anche dalla classifica del Sole24Ore, non è soltanto quello dei giardinetti maltenuti o delle statistiche sulla criminalità galoppante: è anche nel peggioramento della qualità dei rapporti umani, nella diminuita capacità di immaginare il futuro di tutti noi. È questo ciò che più ci preoccupa. Noi vogliamo fare e fare bene. Noi vogliamo cambiare.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cultura