Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°20° 
Domani 15°26° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 16 settembre 2019

Attualità venerdì 21 ottobre 2016 ore 10:45

"I Medici non erano i mafiosi di Firenze"

Ottaviano de' Medici di Toscana di Ottajano

L'ultimo discendente dei Medici si scaglia contro la fiction sulla famiglia fiorentina. Ad arrabbiarsi è Ottaviano de' Medici di Toscana di Ottajano



FIRENZE — No, Ottaviano de' Medici non ci sta. Non gli è proprio piaciuta la fiction andata in  onda su Rai 1, martedì scorso in prima serata e che parla dei suoi antenati.  L'ultimo discendente dei Medici, Ottaviano de' Medici di Toscana di Ottajano, si è proprio arrabbiato e in un lungo posto su Facebook minaccia anche di far bloccare la serie già in onda sul primo canale.

Ottaviano de' Medici sul social network ha accusato il film di "distruggere l'immagine dei Medici come protettori delle arti e della bellezza, dipingendoli come i padrini del Rinascimento e indicandone Firenze come la Corleone mafiosa".

Ma non solo, secondo l'erede mediceo, la fiction "crea un danno alla dinastia, umilia Firenze e allontana il turismo dalla città": per questo, aggiunge l'ex nobile, "l'Italia ha quindi il dovere di tutelare la conoscenza della verità storica adottando provvedimenti necessari a garantire la salvaguardia del proprio patrimonio culturale immateriale, e non quello di spendere soldi pubblici della Rai per falsificare la storia della nostra Dinastia e quella della Toscana come ha fatto invece in questa occasione co-producendo una inaccettabile opera iconoclasta". 

Per questo, conclude il post, occorre "subito una legge Nazionale che tuteli e valorizzi il nostro patrimonio culturale immateriale e ne tuteli la sua immagine impedendo la produzione e la circolazione di film come questo intitolato "I Medici".



Tag

L'entrata trionfale di Piero Angela al convegno con i guardiani di Star Wars: sorpresa e applausi dai presenti

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Cronaca