Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14°30° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 20 giugno 2019

Attualità lunedì 23 novembre 2015 ore 15:45

Il marchio Made in Italy è un vero affare

Siglato un accordo tra Conflavoro e Mps: la banca metterà a disposizione 100 milioni per le imprese che certificheranno la loro filiera produttiva



FIRENZE — Alla sigla dell'accordo in Consiglio regionale ha partecipato anche il presidente Eugenio Giani.
"Tutelare la filiera del made in Tuscany e del made in Italy – ha spiegato il presidente – rappresenta una ricetta efficace contro la crisi. Di ciò abbiamo avuto riprova in numerose occasioni: quando si riesce a preservare l’eccellenza e il know how, le aziende sono in grado di mantenere la quota di mercato; altrimenti, purtroppo, è molto più difficile. Per questo un’iniziativa del genere può fare da prezioso volano per una ripresa economica ed occupazionale che già si intravede, ma che va sostenuta con tutti i mezzi a nostra disposizione".

"Questa sinergia tra impresa e finanza rappresenta un passo importante per la tutela e la valorizzazione del vero made in Italy - ha commentato il presidente nazionale di Conflavoro Roberto Capobianco -. Dare credito ad aziende che hanno un’intera filiera produttiva in Italia significa raddoppiare la ricaduta economica e occupazionale sul territorio".

"L’accordo - ha concluso Maurizio Pecora, responsabile del servizio pricing e convenzioni di Banca Monte dei Paschi - è teso a riaffermare l’attenzione di Banca Mps verso l’imprenditoria made in Italy, e rappresenta un impegno attivo nei confronti delle singole realtà imprenditoriali, di quelle che operano stabilmente sul territorio nazionale, oltre che di quelle che intendono tornare a produrre in Italia attraverso un processo di reshoring".

ROBERTO CAPOBIANCO SU MARCHIO UNICO NAZIONALE


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Cronaca