Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°16° 
Domani 13°22° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Cronaca mercoledì 26 giugno 2019 ore 15:04

Pesce fresco, multe a ristoranti e stabilimenti

E' in corso da parte della Guardia Costiera di Livorno un controllo a tappeto sui ristoranti ubicati all'interno degli stabilimenti balneari



LIVORNO — I controlli della Guardia Costiera di Livorno stanno interessando tutto il comparto della pesca con particolare attenzione ai ristoranti ubicati all'interno degli stabilimenti balneari. Nell'ultima settimana sono stati contestati 16 illeciti di cui 3 a carattere penale con 250 chilogrammi di prodotti sequestrati, cui si aggiungono due reti da posta di oltre 300 metri ed un palangaro lungo quasi due chilometri.. Oltre 12.000 Euro l’importo complessivo delle sanzioni amministrative accertate. 

Due esercizi sono stati sanzionati a Marina di Pisa: il primo per la detenzione di telline sottomisura, il secondo per la somministrazione di prodotti ittici privi della documentazione atta a dimostrarne la provenienza e quindi, con ogni probabilità, frutto di attività di pesca illegale. Un terzo ristorante, presso uno stabilimento di Rosignano Solvay, è stato multato perché trovato in possesso di tranci di tonno decongelati e scaduti, posti immediatamente sotto sequestro.

Passata al setaccio anche la vendita all’ingrosso e al dettaglio. Il titolare di una pescheria di Prato è stato denunciato dagli ispettori della Capitaneria di porto di Livorno, in collaborazione con quelli dalla USL Toscana Centro, per la detenzione di 160 chilogrammi di prodotti in cattivo stato di conservazione. Oltre alla violazione penale, sono stati accertati anche illeciti amministrativi per un totale di 4.600 Euro, per irregolarità in materia di tracciabilità e adempimenti legati all’importazione di prodotti di origine animale. A Livorno, invece, al titolare di un magazzino, è stata contestata la commercializzazione di pregiate cernie, al di sotto della taglia minima prevista dalla normativa. Gli uomini della Guardia Costiera con accurate indagini sono anche riusciti a risalire al comandante del peschereccio responsabile della cattura, punito con una sanzione amministrativa e con l’assegnazione di 5 punti di penalità sulla licenza di pesca e sul titolo di capo barca, per la grave infrazione commessa.

Controlli a tappeto anche a mare lungo il litorale. Una rete da posta di 400 metri di lunghezza è stata sequestrata nelle acque riservate alla balneazione davanti al Calambrone: contestate sanzioni amministrative per un totale di oltre 3.000 Euro al comandante del peschereccio che l’aveva calata. Poco più a sud, alla foce dello Scolmatore d’Arno, sono state multate due unità da diporto, intente nell’attività di pesca in zona interdetta.

Nell’area portuale di Livorno, invece, è stata sequestrata una rete da posta abusiva di 300 metri, che aveva già catturato 60 chilogrammi di pescato, di cui circa la metà, ancora vivo, è stata rigettata in mare. Infine, un’altra rete da posta, anch’essa lunga 300 metri, ed un palangaro lungo quasi due chilometri, sono stati rimossi all’imboccatura del porto livornese.



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità