Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°26° 
Domani 15°22° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Attualità martedì 24 febbraio 2015 ore 16:45

"Magistrati nè protagonisti nè burocrati"

Questo il monito lanciato dal presidente della Repubblica Mattarella a Castelpulci. La replica di Grasso: "A volte il protagonismo viene da sè"



FIRENZE — Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è arrivato alla Scuola superiore di magistratura in tramvia, accompagnato dal sindaco di Firenze Dario Nardella e dal prefetto Luigi Varatta. Lungo il percoso bandiere tricolori e molti cittadini incuriositi.

Giunto a Scandicci, il capo della Stato ha trovato ad attenderlo il presidente del Senato Piero Grasso, il ministro alla giustizia Andrea Orlando, il governatore Enrico Rossi, il sindaco di Scandicci Sandro Fallani e le altre autorità mentre un gruppo di studenti suonava l'inno di Mameli. Strette di mano con tutti, ragazzi compresi, e poi l'ingresso nella villa per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico.

Una visita lampo durata poco più di un'ora ma sufficiente per ricordare agl allievi della scuola quali sono gli atteggiamenti da evitare se vogliono svolgere al meglio il loro compito di magistrati.

"Gli atteggiamenti da protagonista assoluto del processo o di burocratico amministratore di giustizia snaturano la fisionomia della funzione esercitata - ha detto Mattarella - Valgono quindi sempre le parole di Piero Calamandrei: il pericolo maggiore che in una democrazia minaccia i giudici è quello dell'assuefazione, dell'indirefferenza burocratica, dell'irresponsabilità anonima".

"Un esercizio responsabile dei poteri dei magistrati in nome del popolo - ha detto ancora il presidente della Repubblica - vede nei percorsi formativi un passaggio rilevante per raggiungere e mantenere il difficile equilibrio fra garanzia, discrezionalità del giudize e risposta al diffuso sentimento di legalità che si avverte sempre più nel paese".

A replicare a Mattarella  sul monito ai magistrati ci ha pensato il presidente del Senato Grasso: "Io sono un ex agistrato e penso di aver interpretato il ruolo senza essere nè burocrate nè protagonista - ha dichiarato Grasso - Alle volte il protagionismo viene da sè, per le cose importanti che fai".

Guarda qui sotto il servizio video sulla visita di Sergio Mattarella a Castelpulci

Servizio di Tommaso Tafi


Tag

Conte arriva ad Atreju con il figlio: «Sono anche un papà ed è il mio turno... dove lo lascio?»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità