Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16° 
Domani -0°10° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 25 febbraio 2020

Attualità mercoledì 06 aprile 2016 ore 15:27

Sigilli alla cava dei veleni

rifiuti

Fanghi di conceria e scarti di salamoie della Solvay di Rosignano nella discarica abusiva sequestrata a Vaglia dalla Procura di Firenze



VAGLIA — L'ex cava di Paterno è stata sequestrata a fini probatori perché nel corso degli anni sarebbe diventata un deposito abusivo di rifiuti pericolosi. Si parla di materiali inerti, pneumatici, fanghi. 

Sono quattro gli indagati per reati ambientali, tra cui due proprietari dell'area, Lanciotto Ottaviani e Tullia Ottaviani, padre e figlia, l'ex sindaco di Vaglia Fabio Pieri in carica dal 2004 al 2014, il tecnico comunale Stefano Olmi, già responsabile dell'ufficio tecnico.

Secondo l'accusa, l'ex cava ha continuato a ricevere rifiuti senza autorizzazioni e in condizioni non adeguate di smaltimento e di stoccaggio, sia in sacchi già sequestrati, sia con interramento. 

A coordinare l'intera inchiesta è il pm Luigi Bocciolini che ha deciso di procedere con il sequestro. L'area è considerata corpo del reato da acquisire al processo per motivi probatori. 



Tag

Coronavirus, gli effetti dell'epidemia sul turismo

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca