Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°24° 
Domani 13°20° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 23 ottobre 2019

Attualità giovedì 26 febbraio 2015 ore 13:14

Via libera alla legge per il riordino dei parchi

Disco verde del Consiglio regionale della Toscana alla legge di riordino dei Parchi regionali e delle aree protette. La proposta è passata con 44 voti



FIRENZE — La proposta punta ad organizzare in un unico corpo normativo le singole discipline che hanno come fine la tutela dei beni naturali, sino ad oggi distinte in corpi normativi diversi, prevedendo disposizioni e procedure di tipo comune per tutti i parchi regionali. Il provvedimneto è stato illustrato in Consiglio regionale dal presidente della commissione Ambiente Gianfranco Venturi (Pd), che ha spiegato come il “sistema regionale esistente vede un complesso ed articolato insieme di competenze attribuite alla Regione, agli Enti Parco, alle Province ed ai Comuni e  sulla base delle criticità rilevate, la proposta di legge tende a superare la mancanza di una disciplina coordinata, capace di promuovere e indirizzare verso una gestione integrata e di sistema. Tra gli altri contenuti fondamentali, Venturi ha ricordato la “governance dei Parchi chiamati ad una maggiore responsabilità di gestione con l’introduzione di forme di flessibilità e di autonomia della spesa”.

Di legge “nel suo insieme positiva” e di “buon lavoro svolto” ha parlato Andrea Agresti, Ncd, vicepresidente della commissione Ambiente del Consiglio regionale. “Era necessario dotarsi di uno strumento normativo adeguato”, ha detto, definendo la proposta una “legge quadro per il sistema che auspichiamo venga fatta anche per altre discipline”.

Di proposta “senza speranza”, che “mette solo qualche pezza” e che “non ha la forza né la volontà di cambiare” ha parlato invece Stefania Fuscagni, Forza Italia. Tra le criticità che hanno spinto il gruppo di Forza Italia a votare contro, quello “finanziario” per cui, a detta di Fuscagni, un “modello sostenuto da Regione, Province e Comuni non funziona”, ma anche un sistema “ancora molto in mano alla politica e non amico dei cittadini”.

Di atto che parte da una “profonda riflessione” ha parlato Marta Gazzarri, capogruppo Popolo toscano-riformisti. “La tutela del paesaggio non significa chiusura al progresso e allo sviluppo. La proposta di legge è espressione di un cambiamento netto. Introduce elementi di semplificazione, razionalizzazione delle spese e riduzione dei costi”.

Gianfranco Venturi - video


Tag

Show del leghista Ciocca al Parlamento Ue: lancia scatola di cioccolato turco alla presidenza

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità