Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 19 novembre 2019

Cronaca venerdì 11 ottobre 2019 ore 18:15

Uomo scomparso da un anno rintracciato a Pisa

Era a bordo di un treno fermo in stazione. Dai controlli sono emerse le denunce di scomparsa, poi il sito di Chi l'ha visto ha tolto ogni dubbio



PISA — La polizia ferroviaria ha rintracciato a bordo di un convoglio regionale fermo alla Stazione di Pisa Centrale, una persona scomparsa da circa un anno dalla provincia di Terni.

Gli operatori della Polfer, saliti a bordo del treno proveniente da La Spezia per un ordinario controllo dei viaggiatori, si sono immediatamente accorti della presenza dell’uomo che appariva smarrito. Dalle prime informazioni che rendeva agli agenti, è apparso evidente che lo stesso avesse necessità di assistenza, non avendo con sé le risorse necessarie per proseguire il viaggio né una fissa dimora da raggiungere. Inoltre, non aveva alcun documento che potesse dimostrare la sua identità. Gli agenti hanno così deciso di approfondire la sua situazione e fornirgli la necessaria assistenza. 

Negli uffici di polizia, l’uomo, rifocillato, è stato fatto visitare da personale medico ed è stato messo in condizione di spiegare meglio la sua complicata situazione e a rendere così tutte le informazioni utili a risalire alla sua identità. Dai controlli di rito sono emerse le denunce di scomparsa che la sua famiglia aveva presentato a novembre 2018  ai Carabinieri di Amelia (TR). Gli Agenti hanno però avuto la conferma che si trattasse della stessa persona,  grazie alla scheda web predisposta dalla trasmissione televisiva “Chi l’ha visto”. Dalle foto e le informazioni presenti sul sito, infatti, gli agenti hanno potuto trovare tutte le conferme alle dichiarazioni sino a quel momento rese dall'uomo. Grazie anche alla collaborazione dei carabinieri di Amelia, sono stati contattati i familiari che ne avevano denunciato la scomparsa, i quali immediatamente si sono messi in auto e dopo qualche ora hanno potuto riabbracciare il loro caro.



Tag

Caso Cucchi, Gabrielli: «Chi ha offeso dovrebbe chiedere scusa»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità