Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°17° 
Domani 13°21° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 14 ottobre 2019

Politica giovedì 12 marzo 2015 ore 18:05

I candidati Pd per il collegio fiorentino

Regionali: ecco chi saranno gli 8 in corsa per i due (o tre) posti da consigliere del capoluogo. Con equa divisione tra uomini, donne e... correnti



FIRENZE — Gli otto nomi, come previsto, saranno equanemente ripartiti per genere ma, scorrendo la lista, pare evidente anche una suddivisione piuttosto netta anche per "correnti" interne al partito democratico.

E così, dopo l'annuncio della candidatura di Elisabetta Meucci, i renziani giocano anche la loro quarta carta con Leonardo Bieber, consigliere comunale e presidente della commissione Urbanistica a Palazzo Vecchio, su cui sarebbe stata trovata, riporta la Dire, "una sintesi condivisa all'interno del gruppo Pd in Consiglio comunale in accordo con il sindaco Nardella".

Il quadro, dunque, sarà composto dai renziani Stefania Saccardi (attuale vicepresidente della Regione), Eugenio Giani (consigliere regionale), Elisabetta Meucci (assessore all'urbanistica di Palazzo Vecchio) e Leonardo Bieber cui si aggiungono due esponenti come Marta Rapallini (presidente dell'Istituto Gramsci Toscano) e Andrea Giorgio (segretario toscano dei Giovani Democratici) che appartengono alla cosiddetta area "dialogante" e infine due di "SinistraDem" come Daniela Lastri (consigliera regionale) e Andrea Barducci (ex presidente della Provincia).

Obiettivo dei renziani, insomma, è quello di fare l'en plein dei due (o tre) consiglieri che saranno eletti nel collegio. Sapendo che, nella partita, ci sono comunque due variabili. La prima, che pare piuttosto acclarata, è quella di una conferma in giunta per Stefania Saccardi, la seconda quella della presidenza del Credito Sportivo (carica incompatibile con il mantenimento dell'ufficio a palazzo Panciatichi) che dovrebbe toccare a Giani ma per la quale potrebbero volerci ancora diversi mesi.

Nella graduatoria di preferenze che uscirà dalle elezioni, insomma, i posti per i dem fiorentini potrebbero slittare (almeno) fino alla quarta posizione e di qui la scelta di inserire in lista proprio 4 candidati dell'area più vicina al premier nella speranza che, anche in caso di "slittamenti", gli eletti fiorentini in consiglio possano essere a prevalenza renziana.



Tag

Di Maio: «No a qualsiasi forma di patrimoniale»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Spettacoli