Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°30° 
Domani 19°26° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 22 agosto 2019

Cronaca sabato 15 ottobre 2016 ore 12:18

"Quelle vigne erano affittate dal 2014"

E' quanto precisano gli avvocati del cantante Sting, Vittorio Chierroni e Simone Nocentini, in merito all'inchiesta sul caporalato in Chianti



SIENA — "I terreni di proprietà di Sting sui quali sarebbero stati impiegati braccianti a nero, sono fin dal marzo 2014 nella piena ed esclusiva disponibilità dell'azienda di Colle Val d'Elsa in forza di contratto di affitto agrario stipulato con la summenzionata società, di tal che dall'epoca ed ancor oggi detti terreni non fanno più parte dell'azienda agricola di Sting". 

E' quanto precisano i legali di Sting, in merito alle notizie sull'inchiesta sul caporalato in Chianti e sull'impiego di alcuni lavoratori anche in terreni di Sting, che ha un'azienda agricola a Figline Valdarno, all'insaputa dello stesso cantante.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità