Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°16° 
Domani 13°22° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Cronaca lunedì 27 febbraio 2017 ore 11:40

I detective del Buzzi scoprono la finta lana

Grazie alla analisi del BuzziLab scoperta una truffa nel settore laniero. Individuata una ditta nel macrolotto col sequestro di tonnellate di acrilico



PRATO — La Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato 15 tonnellate di filato acrilico destinato al confezionamento di false maglie in lana. 

L'indagine è partita proprio da Torino, dove sono stati controllati negozi gestiti da imprenditori di origine cinese. I campioni di tessuto sono stati inviati, per le analisi, al laboratorio Chimico BuzziLab di Prato, struttura nata all'interno dell'istituto Buzzi, celebre scuola pratese che forma operatori di varia natura per il settore tessile.

Gli accertamenti hanno certificato la non conformità del materiale e le indagini hanno portato proprio ad identificare a Prato il fornitore dei capi d'abbigliamento falsi.

E' stato così individuato un laboratorio dove sono state sequestrate 15 tonnellate di filato acrilico destinato alla produzione di maglie etichettate "in lana", oltre 15 macchinari e quasi 200.000 tra etichette e cartellini con false indicazioni merceologiche.



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità