Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13°21° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 18 ottobre 2019

Politica mercoledì 15 luglio 2015 ore 15:45

Regione: accordo di programma per la Valdicecina

Approvata all'unanimità in Consiglio regionale una mozione sulla Smith: al centro il tavolo con Eni, Enel e Schlumberger



FIRENZE — Proposta dai consiglieri pisani del Pd Antonio Mazzeo, Alessandra Nardini e Andrea Pieroni, impegna il presidente della giunta a lavorare alla costruzione di un accordo di programma per lo sviluppo dell’intera Val di Cecina in grado di attrarre investimenti e proseguire ed intensificare gli sforzi per raggiungere un accordo.

Il Consiglio regionale della Toscana, con la mozione approvata oggi all’unanimità interviene ufficialmente sulla vicenda della Smith Bits di Saline di Volterra. Il documento impegna il presidente della giunta Rossi “a mettere in atto tutte le misure necessarie affinché venga raggiunto un accordo complessivo col Ministero dello Sviluppo Economico, il Gruppo Schlumberger, Enel e Eni per la salvaguardia del posto di lavoro di tutti i dipendenti della Smith Bits”. Ma anche “a lavorare alla costruzione di un accordo di programma per lo sviluppo dell’intera Val di Cecina in grado di attrarre investimenti sul territorio e stimolare la produzione industriale e la creazione di nuovi posti di lavoro nell’area”.

Nell’illustrare la mozione in Aula, Andrea Pieroni, ha messo in risalto la forte mobilitazione della comunità locale, insieme a istituzioni e sindacati, e la novità dell’aver posto l’esigenza di un accordo di programma per lo sviluppo della Val di Cecina.

Antonio Mazzeo, intervenendo nel dibattito, ha auspicato che “la nostra ossessione per il lavoro diventi l’ossessione di tutto il Consiglio” e ha posto l’esigenza di “uno scatto in avanti della giunta sulle politiche dello sviluppo”.

Alessandra Nardini ha commentato che l’approccio della mozione “è quello giusto: da una parte sostenere gli sforzi per non far chiudere le aziende, dall’altra puntare a politiche di sviluppo che guardino all’intero territorio”.

Nel testo della mozione si ripercorre la vicenda della multinazionale americana, dal protocollo d’intesa con la Regione del 2014, in cui la Smith si impegnava a consolidare la presenza locale e la Regione si impegnava a favorire sia sinergie con il territorio, alla decisione dello scorso aprile da parte dell’azienda di chiudere lo stabilimento di Saline, licenziando 193 dipendenti.

“Le istituzioni locali - si legge nel testo – hanno da subito profuso il massimo impegno a fianco dei lavoratori per la tutela dei posti di lavoro e la salvaguardia dello stabilimento. A seguito della mobilitazione che ha visto impegnati insieme lavoratori, sindacati e istituzioni è stato raggiunto un accorso con l’azienda per il mantenimento del sito produttivo di Saline e il reintegro di 78 dei 193 dipendenti. I lavoratori hanno sottoposto a referendum l’accordo e, con grande senso di responsabilità, si sono espressi in maniera positiva sull’intesa raggiunta”.

Inoltre, sottolineando le peculiarità economiche e produttive del sito di Saline, nella mozione si precisano alcuni punti fermi degli ultimi sviluppi della vicenda. "L'accordo sarà definito il prossimo 17 luglio presso la Provincia di Pisa con l'auspicio che, in quella sede, l'azienda accolga la richiesta di favorire la turnazione del maggior numero possibile di dipendenti, incrementando anche il valore della buonuscita proposta, allungando i tempi per l'accettazione della medesima; il ministero per lo sviluppo economico ha acconsentito all’apertura di un tavolo nazionale finalizzato alla ricerca una soluzione imprenditoriale sostenibile e durevole per la salvaguardia dello stabilimento e dei posti di lavoro e che le parti si sono dette disponibili ad effettuare un primo incontro entro la fine del mese di luglio"

"In quella sede dovrà essere elaborato un piano che preveda il ricollocamento anche del personale non rientrato nell’accordo con Smith Bits per la prosecuzione dell’attività nello stabilimento di Saline - prosegue il testo - la Regione Toscana sta lavorando con Enel e Eni creazione di un centro servizi per la manutenzione, riparazione e logistica di attrezzature per la perforazione ed impianti geotermici sinergico con il sito produttivo della Smith”.

In Consiglio regionale erano all’ordine del giorno, commenta il Capogruppo di Forza Italia Stefano Mugnai "da un lato la spigolosa vertenza Smith Bits in una rapida evoluzione che va però seguita, da parte della Regione, senza perdere nemmeno una battuta stante l’asprezza dei rapporti tra le parti e dall’altro il rientro nelle casse del Comune di Volterra di un terzo delle imposte che Solvay versa alla Regione per le sue concessioni legate all’attività estrattiva". Quest’ultima mozione - aggiunge Mugnaiandrà in discussione nella commissione competente poiché ha registrato sostanziali convergenze e dunque compirà quel passaggio qualificante prima di tornare in aula. Per quanto invece riguarda la Smith Bits siamo riusciti, grazie al dibattito da noi aperto, a giungere a una mozione unitaria che è stata dunque approvata all’unanimità».

Il risultato è importante per la Valdicecina, territorio delicato sia sotto il profilo morfologico che degli equilibri occupazionali: «Il consiglio regionale pare intenzionato a intervenire con puntualità e a stringere la giunta su impegni precisi – afferma Mugnai – e questo più che un successo politico è un successo per il territorio».   



Tag

Richard Gere a «Piazzapulita»: «Salvini vorrebbe che portassi i migranti a Hollywood? Se avessi un aereo privato, lo farei»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità