Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°26° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 17 giugno 2019

Attualità lunedì 02 febbraio 2015 ore 19:38

Aeroporti toscani, ok di Firenze alla fusione

​Con 20 voti a favore il Consiglio comunale ha dato il via libera alla società unica tra Adf e Sat. Contrario M5S, astenuti Collesei e Rossi del Pd



FIRENZE — Contraria anche la ex grillina Miriam Amato. Non hanno partecipato al voto i consiglieri di Forza Italia e quelli di Firenze riparte da sinistra.

Durante il confronto in consiglio comunale, i due consiglieri del Partito democratico Stefania Collesei e Alessio Rossi hanno spiegato che, se da una parte si tratta di una fusione "auspicata da anni per arrivare ad un sistema integrato di gestione degli scali aeroportuali", dall'altra li rende "perplessi" il riferimento alla necessità di una nuova pista da 2.400 metri per l'aeroporto di Peretola come richiesto dal Piano nazionale degli Aeroporti. Una lunghezza che non è quella prevista dalla variante al Pit approvata dalla Regione Toscana.

"L'assessore Perra ci rassicura che tecnicamente il progetto di fusione è svincolato dal progetto della pista - hanno detto Collesei e Rossi - Noi pensiamo che sia così ma pensiamo anche che politicamente questo atto sia propedeutico ad un piano di sviluppo aeroportuale che non ci convince, sopratutto per il carico urbanistico che comporterebbe".

Grande soddisfazione è stata invece espressa dal capogruppo di Fratelli d'Italia-An Francesco Torselli. “Oggi possiamo annunciare, e lo diciamo con orgoglio soprattutto ai cittadini di Brozzi, di Quaracchi, delle Piagge e di Peretola, che un piccolo passo è stato fatto nella direzione di migliorare la qualità della vita della nostra regione - ha commentato Torselli -  E ribadiamo che, al di là delle promesse e degli impegni, l’unica forza di centrodestra ad aver votato a favore è stata Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale”.

"Se il Consiglio comunale avesse discusso sulla sola operazione societaria non avremmo avuto alcun dubbio a votare a favore - hanno scritto invece in una nota Tommaso Grassi, Donella Verdi e Giacomo Tromb, del gruppo consiliare 'Firenze riparte a sinistra' - Una gestione unitaria dei due scali in un'ottica regionale e' quanto piu' volte auspicato. Ma il provvedimento di oggi era parziale: i masterplan o le convenzioni con Enac che non sono state neppure consegnate e allegate alla delibera".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca