Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°29° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 18 agosto 2019

Attualità lunedì 15 settembre 2014 ore 13:20

Agricoltura, l'embargo russo costerà 8 milioni

Secondo le stime della Coldiretti il blocco dell'export "oltre cortina" costerà ai prodotti Made in Tuscany 8 milioni di euro. In Maremma è già crisi



TOSCANA — La prima vittima dell'embargo deciso da parte della comunità internazionale, Unione Europea compresa, è il pecorino Dop. A Manciano in particolare uno storico caseificio grossetano ha ricevuto la disdetta di ordini per 300 mila euro.
E' solo un esempio delle conseguenze devastanti che il blocco delle esportazioni e delle spedizioni di prodotti toscani che vengono fermati alla dogana con l'ex Unione Sovietica e rispediti al mittente, con pesante aggravio di costi per i produttori.

A lanciare l'allarme è stata la Coldiretti Toscana, che ha elaborato i dati diffusi dall'Istat arrivando ad una conclusione precisa: il divieto di importare in Russia i prodotti agricoli, ma anche la pasta, l'olio, il formaggio, la carne e il pesce avrà ricadute pesanti sull'economia regionale per 8 milioni di euro. Questo perché tra 2012 e 2013 la Russia aveva rastrellato quote di mercato importanti per quanto riguarda l'importazione di prodotti toscani: nel primo trimestre 2014 l'incremento si era attestato attorno al 20% per quanto riguarda i prodotti di agricoltura, silvicoltura e della pesca.

Il ministro Martina sull'embargo russo - Dichiarazione


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Cronaca

Cronaca