Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 14° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 17 novembre 2019

Attualità venerdì 28 giugno 2019 ore 15:00

Pesce raro degli abissi catturato all'Elba

Una Mora è stata catturata nell'Arcipelago toscano da alcuni pescatori che sono rimasti stupiti perché non avevamo mai visto un pesce simile



CAMPO NELL'ELBA — Una cattura inusuale nelle acque dell'Arcipelago toscano, come ci segnala Yuti Tiberto dell'Acquario dell'Elba. Infatti, operando con palamiti di profondità a ovest dell'Africhella, l'equipaggio del peschereccio campese "Azzurra" si è imbattuto in un grosso pesce scuro che, nonostante la grande esperienza dei pescatori, sembrava diverso da tutti quelli visti finora.

"In effetti, la Mora (Mora moro), - spiega Tiberto - unica specie nota appartenente a questo genere, è considerata alquanto rara in tutte le acque italiane, e le segnalazioni della sua presenza sono davvero molto sporadiche. Abbiamo perciò chiesto all'amico ittiologo Francesco Tiralongo, responsabile scientifico del progetto Alienfish (https://www.facebook.com/alienfish/?epa=SEARCH_BOX ) per il monitoraggio e studio delle specie ittiche rare e aliene nei mari italiani, di raccontarci qualcosa su questa specie, ennesima dimostrazione di quanto la biodiversità delle nostre acque sia ancora, nonostante tutti gli attacchi derivanti dall'inquinamento e dai cambiamenti climatici, davvero straordinaria".

"Il corpo della Mora è piuttosto allungato e robusto anteriormente. L’occhio, molto grande, - ha spiegato l'esperto Francesco Tiralongo - sfiora il profilo dorsale. La bocca di questo vorace predatore è munita di denti piccoli ma appuntiti. La prima pinna dorsale è molto breve, mentre la seconda, quasi attaccata alla prima, si estende fino al peduncolo caudale che porta una coda relativamente sviluppata. Nelle acque italiane, è una specie nota esclusivamente agli specialisti in quanto viene catturata solo sporadicamente e generalmente con attrezzi che operano a grandi profondità, ed è proprio per tale motivo (l’habitat profondo in cui vive) che appare con tutta probabilità molto più rara di quanto in realtà non sia. La specie è commestibile e le carni vengono riportate come buone".

Nonostante appartenga a una famiglia diversa, presenta alcune somiglianze con la comune e ben più nota Musdea Nera (Phycis phycis). L’esemplare in foto, è stato catturato con palangaro di profondità nell’Arcipelago toscano da Francesco Azara in data 25 Giugno 2019. Le foto e le informazioni sulla cattura sono state inviate al dottor Francesco Tiralongo, ittiologo e responsabile scientifico del progetto AlienFish - monitoraggio e studio delle specie ittiche rare e aliene nei mari italiani.



Tag

A Firenze sale l'Arno, vicino al livello di criticità di 5,5 metri: il fiume visto dagli argini fa paura

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità