Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°25° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 24 agosto 2019

Attualità giovedì 07 maggio 2015 ore 14:26

Boom di presenze per i ponti primaverili

Sono state confermate le aspettative sul turismo in Toscana sui due ponti del 25 aprile e del 1 maggio. Le stime di Confcommercio Toscana



FIRENZE — Sono state registrate circa 300.000 presenze di turisti tra l'ultimo weekend di aprile e il primo weekend di maggio. Ci sono però grosse differenze tra territorio e territorio, sottolinea Confcommercio Toscana, per esempio, sulla costa si è risentito molto del meteo non proprio primaverile e della contrazione dei flussi provenienti da alcuni paesi chiave come la Russia, mentre le città d’arte hanno registrato un tasso medio di occupazione molto alto sfiorando il tutto esaurito nel capoluogo. Emerge che l’organizzazione di eventi, di qualsiasi tipologia, permette di realizzare le performance migliori anche col cielo coperto. Il giro di affari per ristoranti, bar e pizzerie si è aggirato su un 12% di fatturato in più rispetto allo scorso anno.

“Si è trattato di soggiorni brevi - spiega Franco Marinoni, direttore generale Confcommercio Toscana - non più di tre notti, certo non paragonabili al calendario dello scorso anno, che metteva in fila festività pasquali e ponti primaverili con possibilità di vere e proprie mini-vacanze. Ma questi ultimi tre giorni hanno portato una boccata d’ossigeno da inizio stagione."

Il picco delle prenotazioni nei ponti primaverili afferisce per buona parte al turismo interno, una fetta del mercato importante ma, secondo Confcommercio, servono politiche regionali che aiutino le imprese a fare investimenti verso la destagionalizzazione. 

Le aspettative degli operatori si concentrano ora sul ponte del 2 giugno, tradizionale test per l’analisi dell’andamento della stagione estiva, soprattutto per il turismo balneare.

Aldo Cursano, presidente regionale e vicario nazionale Fipe Confcommercio Toscana commenta i risultati dei week-end del 25 aprile e del primo maggio e fa i suoi pronostici per il 2 giugno. “Il tempo incerto degli scorsi fine settimana non ha scoraggiato le famiglie indirizzate alla visita culturale, e i pubblici esercizi sono stati in qualche caso favoriti dalle piogge sparse che hanno influito negativamente sulle escursioni all’aria aperta”.

Conclude Marinoni: “La scelta strategica degli imprenditori di tenere i negozi aperti durante le festività, gli eventi culturali e ricreativi, oltre ai giorni di ferie, hanno dimostrato che la vivacità dei nostri centri urbani favorisce il flusso turistico. Cultura, shopping e proposte enogastronomiche fungono da incentivo a chi vuole visitare città, coste, e campagne toscane. Se la propensione alla spesa è migliorata, non sarà un po’ di pioggia a fermarla”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità