Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 15°23° 
Domani 13°24° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 21 ottobre 2019

Attualità mercoledì 27 maggio 2015 ore 14:05

Dipendenti provinciali di nuovo in piazza

Servizio di Tommaso Tafi

Manifestazioni in tutta Italia per chiedere garanzie sull'occupazione e l'erogazione dei servizi: "Bene il passaggio delle competenze, ma le risorse?"



FIRENZE — Sono passati cinque mesi da quando sono iniziate le occupazioni delle province, a partire da quella di Firenze, e poi via via in tutta Italia. Ciò nonostante, i dipendenti degli enti intermedi in via di smantellamento sono tutt'altro che certi del loro futuro. Per questo Cgil, Cisl e Uil hanno deciso di riconvocare in piazza i lavoratori in tutta Italia per chiedere garanzie sulla tutela dei livelli occupazionali e sull'erogazione dei servizi.

In Toscana i manifestanti si sono concentrati a Firenze: poche decine di persone in tutto ma furiose perché, nonostante la Regione abbia già avocato a sé alcune funzioni, ambiente, agricoltura, caccia e pesca e formazione, alcune incognite permangono. "Otto province su dieci - ha detto Marco Bucci, segretario generale Fp Cisl - rischiano il dissesto finanziario quest'anno".

E con esse i servizi a loro collegati, in particolare la polizia provinciale e la gestione dei centri per l'impiego, che per altro in Toscana funzionano meglio che altrove.

"Il problema - ha detto Debora Giomi, segretario generale Fp Cgil, - è che il passaggio delle competenze a livello nazionale non c'è stato, mentre i tagli in Finanziaria sono già esecutivi".

Da qui la protesta dei sindacati: "Non ci fermeremo - ha detto Paolo Becattini, segretario generale della Funzione pubblica Uil - Andremo avanti finché non si farà chiarezza sul futuro dei lavoratori".



Tag

«Report», l'indagine sulle capsule di caffè che non si smaltiscono e quelle (poche) di alluminio riciclate

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca