Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11°24° 
Domani 10°22° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 20 settembre 2019

Attualità mercoledì 27 luglio 2016 ore 14:01

Il faro che diventerà albergo

C'è anche il faro di Punta Polveraia nell'elenco dei beni che lo Stato metterà a bando per trasformarli in strutture ricettive



MARCIANA — Il faro di Punta Polveraia verrà messo a bando per trasformarlo in struttura ricettiva. La struttura marcianese è infatti uno dei venti immobili individuati dall'agenzia del Demanio e da Difesa Servizi spa per essere recuperati e farne "dimore uniche attraverso una rete nazionale dedicata al turismo sostenibile, alla cultura e all'ambiente".

Lo hanno annunciato questa mattina i ministri dell'Economia Pier Carlo Padoan, dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini e della Difesa Roberta Pinotti, riuniti al ministero dell'economia in via XX settembre, a Roma, insieme al direttore dell'Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, e all'ad di Difesa Servizi spa, Fausto Recchia.

Si tratta della seconda edizione del progetto Valore Paese-Fari che in passato ha assegnato i primi nove fari a privati, tra cui il Wwf e un imprenditore tedesco. A settembre quindi partirà il nuovo bando pubblico per dare nuova vita alle strutture, affidando in concessione (con un massimo di 50 anni) i gioielli del mare disseminati su tutto il Paese con l'obiettivo di recuperarli attraverso un piano imprenditoriale.

Un'operazione che ha già portato a un indotto economico di circa 20 milioni, con l'assunzione di oltre 100 operatori e, nelle casse dello Stato più di 340mila euro di canoni annui, che diventeranno 7 milioni considerato tutto il periodo di affidamento. 

La lista comprende: il Faro di Capo Rizzuto a Isola di Capo Rizzuto (KR), il Faro della Guardia a Ponza (LT), il Faro di Torre Preposti a Vieste (FG), il Faro di Punta Polveraia a Marciana nell''Isola d''Elba (LI), il FaroFormiche nell''isolotto Formica Grande (GR), il Faro di Punta Libeccio nell''Isola di Marettimo (TP), il Faro di Punta Spadillo a Pantelleria (TP), il Faro di Capo Mulini ad Acireale (CT), il Faro di Capo Milazzo a Milazzo (ME) e il Faro di Capo Faro a S. Maria di Salina, Isola di Salina (ME). A questi si aggiungono altri 10 beni, di varia tipologia, in gestione all''Agenzia del Demanio: in Campania, a Salerno, la Torre Angellara, in Sicilia il Padiglione Punta del Pero a Siracusa, lo Stand Florio a Palermo, il Faro di Capo Zafferano a Santa Flavia (PA), il Faro di Riposto a Riposto (CT). In Puglia, la Torre CastellucciaBosco Caggioni a Pulsano (TA), il Convento S. Domenico Maggiore Monteoliveto e la Torre d''Ayala a Taranto. Salendo a nord, infine, in Emilia Romagna, il Faro del Po di Goro a Goro (FE) e in Veneto il Faro Spignon sull''isola di Spignona Venezia. 



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità