Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11°19° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 23 aprile 2019

Attualità martedì 09 maggio 2017 ore 14:05

Tutti numeri del Corecom della Toscana

Il bilancio consuntivo 2016 del Comitato regionale per le comunicazioni si chiude con 205mila 921 euro di risorse utilizzate, e con tempi di risposta



FIRENZE — Il bilancio consuntivo 2016 del Comitato regionale per le comunicazioni si chiude con 205mila 921 euro di risorse utilizzate. Tempi di risposta di 80-90 giorni per le oltre 7mila conciliazioni; l’84 per cento di accordi raggiunti rispetto al 78 per cento della media italiana. Nel 2016 sono stati restituiti 2,4 milioni di euro ai cittadini

A fronte di 208mila 410 euro di risorse proprie assegnate, il bilancio consuntivo 2016 del Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom) si chiude con risorse utilizzate pari a 205mila 921 euro, con un avanzo di 2 mila 489 euro. Il dato emerge dalla relazione consuntiva per l’anno 2016, che il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza con propria risoluzione.

Il bilancio 2016, come illustrato dal presidente della commissione Affari istituzionali Giacomo Bugliani (Pd), è anche un consuntivo sull’attività svolta dal Comitato nel corso del suo intero mandato, che si è ora concluso. Sempre tra i primi ad approvare le graduatorie per i finanziamenti ministeriali alle televisioni private, i tempi di notifica delle violazioni sono scesi a 60 giorni rispetto a ritardi di tre anni ereditati dalla precedente gestione. I tempi di risposta per le 7.079 conciliazioni, in aumento annuale del 25 per cento, sono di circa 80-90 giorni. Gli accordi raggiunti sono stati l’84 per cento rispetto al 78% di media italiana. Nel 2016, sono stati restituiti 2,4 milioni di euro ai cittadini. Le iscrizioni al registro degli operatori della comunicazione hanno raggiunto quota 1300, con 52 nuove registrazioni. “È stata realizzata – ha aggiunto Bugliani – la mappatura del digitale terrestre, che vede 479 impianti di trasmissione sul territorio regionale, con l’indicazione della percentuale di visibilità sul territorio regionale per ogni operatore”. La mappatura è stata utilizzata per l’assegnazione delle risorse del Consiglio regionale destinate all’informazione istituzionale, pari a quasi un milione di euro. Il Comitato ha ricevuto una nota di encomio dell’Autorità nazionale per questi risultati, grazie ai quali la Toscana avrà 20mila euro in più per complessivi 200mila euro di finanziamento nazionale. È stata realizzata anche una mappatura delle aree pubbliche wifi free. Bugliani ha, infine, parlato delle numerose attività di “media education nelle scuole” e delle iniziative dedicate ad “Internet e minori” su tutto il territorio regionale.

Enrico Cantone (M5S) ha annunciato il voto di astensione anche se ha evidenziato apprezzamento per l’attività svolta dal Corecom in una grande varietà di materie. “Si constata – ha detto il consigliere regionale – che troppe risorse sono state tagliate e che sono aumentate le funzioni delegate da Agicom, in particolar modo nel settore delle controversie telefoniche”. “Corecom rischia di perdere – ha concluso Cantone – la sua identità, la tutela dell’imparzialità della comunicazione”.

Voto favorevole e giudizio positivo sul lavoro del Corecom è stato espresso da Tommaso Fattori (capogruppo Sì-Toscana a sinistra). “Sono migliorati i tempi di monitoraggio – ha detto Fattori – diminuiti i tempi per le pratiche di conciliazione. Ottimi i risultati rispetto agli accordi con le compagnie di comunicazione”. “Corecom – ha concluso Fattori – vede un definanziamento delle attività, pensiamo che servirebbero maggiori risorse per le attività proprie”.

Anche Marco Casucci (Lega nord) ha espresso il voto di astensione del gruppo e ha invitato ad una riflessione sulla natura e sui compiti del Corecom e sul calo delle risorse destinate a questo organo.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca