Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°28° 
Domani 15°24° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 17 settembre 2019

Attualità mercoledì 26 giugno 2019 ore 14:16

Guardia di Finanza, in Toscana festa dei 245 anni

Il bilancio annuale dell'attività conta 1.746 interventi nel settore fiscale nei confronti delle imprese, per circa 539 milioni di di Iva non versata



FIRENZE — Si sono tenute in Piazza del Carmine a Firenze le celebrazioni per il 245° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza. Alla presenza del Comandante Interregionale dell’Italia Centro-Settentrionale, Generale di Corpo d’Armata Sebastiano Galdino, dei Comandanti Regionali Emilia-Romagna, Generale di Divisione Giuseppe Gerli, Toscana, Generale di Divisione Bruno Bartoloni e Marche, Generale di Brigata Fabrizio Toscano, di uno schieramento in armi in rappresentanza delle specialità dei Reparti della Toscana, dei Gonfaloni della Regione Toscana, della Città Metropolitana e della Città di Firenze, dei delegati della rappresentanza militare, delle massime Autorità civili, militari e religiose locali, di personale in rappresentanza dei Comandi alla sede.

Nel corso della cerimonia, dopo la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e dell'ordine del giorno speciale del Comandante Generale, sono stati premiati alcuni finanzieri che si sono particolarmente distinti in attività di servizio.

L’occasione è servita, inoltre, per tracciare un bilancio dell’ultimo anno e mezzo dell’attività svolta dai Reparti della Toscana, che hanno focalizzato la loro azione sui fenomeni di evasione, elusione e frodi fiscali, sugli illeciti in materia di spesa pubblica e contro l’illegalità nella pubblica amministrazione, sul lavoro sommerso, così come sulla contraffazione e sull’impiego di capitali illeciti nell’economia legale, fenomeni che rappresentano gli obiettivi strategici del Corpo nel contrasto delle più gravi manifestazioni di illegalità economico-finanziaria.

I Reparti toscani dal gennaio 2018 al maggio 2019 hanno eseguito complessivamente 1.746 interventi nel settore fiscale nei confronti delle imprese. Il totale della base imponibile sottratta all’imposizione individuata ammonta a oltre 2,16 miliardi di euro e a circa 539 milioni di euro l’I.V.A. non versata. 8.420 sono, invece, le indagini delegate al Corpo, nello stesso periodo, dalla magistratura ordinaria e contabile. Denunciate per reati fiscali 1.179 persone, di cui 30 in stato di arresto.

Sequestrate disponibilità patrimoniali e finanziarie per il recupero delle imposte evase nei riguardi dei responsabili di reati fiscali per oltre 67 milioni di euro ed avanzate proposte di sequestro alle competenti Autorità Giudiziarie per altri 598 milioni. 1.224 sono gli evasori totali individuati, vale a dire i soggetti completamente sconosciuti al Fisco, che hanno occultato una base imponibile per oltre 1,22 miliardi di euro. 350 i datori di lavoro che hanno impiegato 448 lavoratori in nero e 654 irregolari (ovvero assunti senza il riconoscimento delle tutele previste dalla legge).

Sono state accertate frodi comunitarie per contributi indebitamente percepiti/richiesti ed è stata constatata l’illecita percezione/richiesta di contributi nazionali e locali per oltre 1,6 milioni di euro. Accertati danni erariali per circa 88 milioni di euro nei confronti di 354 soggetti segnalati alla Procura Regionale della Corte dei Conti. Sono stati controllati appalti pubblici per circa 72 milioni di euro ed individuate assegnazioni irregolari di per complessivi 27 milioni. 151 i soggetti denunciati e 10 tratti in arresto per reati contro la pubblica amministrazione ovvero per corruzione, concussione, peculato e abuso d’ufficio.

Le indagini patrimoniali, che hanno riguardato 726 persone e società, hanno portato al sequestro di beni per 8,4 milioni e confische per circa 13,5 milioni di euro ed ulteriori proposte di sequestro per oltre 48 milioni. Arrestati 86 soggetti per riciclaggio ed autoriciclaggio, reati societari, bancari, fallimentari e usura. Sono stati effettuati, principalmente negli aeroporti di Firenze e Pisa, 920 interventi nei confronti di cash courier con al seguito valuta e titoli per 21,3 milioni di euro.

Arrestati 157 narcotrafficanti e sequestrati circa 971 kg di cocaina e 1.107 Kg di hashish e marijuana. 743 gli interventi anticontraffazione e antiabusivismo commerciale, con la denuncia di 617 persone, 5 delle quali arrestate. Sequestrati oltre 1,7 milioni di capi di abbigliamento, borse, articoli di moda in pelle contraffatti o recanti falsa o fallace indicazione di origine o provenienza, nonché 12,2 milioni di articoli non sicuri (beni di consumo, prodotti elettronici, giocattoli, ecc).

Il Reparto Operativo Aeronavale della Toscana ha condotto sulla fascia costiera della regione 1339 missioni di polizia marittima e di soccorso, percorrendo 85516 miglia nautiche in crociere operative e traendo in salvo 14 persone; ha controllato 564 imbarcazioni tra diporto, pesca e commerciali, operato 622 controlli di polizia, rilevato 213 violazioni amministrative e penali e recuperato a tassazione 1.127.000 euro di tributi evasi.

Dalla data della sua costituzione, avvenuta il 24 settembre 2018, al 31 maggio di quest’anno, la Stazione S.A.G.F. di Abetone Cutigliano (PT) ha eseguito, complessivamente, 30 interventi, che hanno riguardato la ricerca di persone scomparse, tra cui quella di un minore, l’assistenza sulle piste da sci nei confronti di persone infortunate e altre operazioni di soccorso in ambiente montano, che, grazie anche all’impiego degli elicotteri della Sezione Aerea di Pisa, possono essere estese, con una capacità d’intervento rapida, sull’intera dorsale tosco-emiliana dell’appennino, avendo il Reparto una proiezione operativa ultraregionale.



Tag

Lione, raccolti 109 monopattini dal fiume

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Politica

Attualità