Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 21° 
Domani 10°19° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 22 aprile 2019

Politica lunedì 06 novembre 2017 ore 16:48

Il Pd Toscana invoca il centrosinistra unito

Mazzeo: "Mettere da parte i personalismi". Monni, Bruzzesi e Gazzetti: "L'alleanza Pd-Mpd in Toscana è la vera risposta politica di governo"



FIRENZE — "Il centrosinistra perde e il centrodestra unito vince. Ancora una volta si dimostra il fatto che quando ci si divide si è più deboli. E' valso in Sicilia, penso che potrebbe succedere a livello nazionale o a livello locale se non saremo in grado, tutti, di mettere da parte i personalismi". E' questo il commento a caldo del vicesegretario del Pd Toscana Antonio Mazzeo di fronte alla brutta sconfitta del Pd e di Fabrizio Micari, il candidato presidente sostenuto dai dem  in coalizione con l'Ap di Angelino Alfano alle elezioni regionali siciliane (Micari è arrivato terzo dopo il candidato del centrodestra Musumeci e quello del M5S Cancellieri). 

"Dai numeri siciliani emerge un dato chiaro - ha aggiunto Mazzeo - C'è una percentuale molto alta di voto disgiunto che palesa come tanti elettori abbiano votato i partiti di centrosinistra ma non il suo candidato: a due terzi dello scrutinio Micari è attorno al 19 per cento e le liste a lui collegate al 25. Per il Movimento 5 Stelle si è verificato il fenomeno opposto: Cancelleri al 35 per cento e le liste a lui collegate il 28".

"Questo significa che in virtù della nostra divisione il centrosinistra appariva sconfitto in partenza e in tanti hanno deciso di dirottare il voto su chi pensavano avesse più chance di contrastare la destra, ovvero Cancelleri - ha sottolineato Mazzeo - Se, come accaduto a Palermo, Mpd avesse accettato di proporre un candidato unico probabilmente questo effetto fuga non ci sarebbe stato. Questo è il momento di mettere da parte i raconro e dimostrare la capacità di lavorare insieme".

Sulla sconfitta siciliana sono intervenuti anche i consiglieri regionali Francesco Gazzetti e Monia Monni insieme a Stefano Bruzzesi, membro della segreteria del Pd Toscana.

"Per mesi siamo stati etichettati come frondisti ma sarebbe stato corretto parlare di realisti, il realismo di chi ha creduto e crede che il centrosinistra diviso sia destinato solo alla sconfitta - scrivono Monni, Bruzzesi e Gazzetti - Dobbiamo saper cogliere l'importanza del ruolo da protagonista che la Toscana assume a livello nazionale. Possiamo essere il laboratorio dove dimostrare, nei fatti, che l'alleanza fra Pd e Articolo 1-Mdp non è una mera operazione di alchimia politica ma è una risposta di governo vera e autentica alle istanze dei cittadini. Una grande sfida nazionale. Si sgombri quindi il campo alle polemiche fini a se stesse e si consolidi la stagione della condivisione, dell'ascolto, del confronto e del buon governo".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca