Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 28 febbraio 2020

Attualità martedì 21 gennaio 2020 ore 18:45

Il premier Conte apre l'anno accademico a Firenze

Il premier Giuseppe Conte

Il presidente del Consiglio accolto da un applauso a Palazzo Vecchio. Fuori protesta per i lavoratori in appalto dell'Ateneo



FIRENZE — Salone dei Cinquecento gremito per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico dell'Università di Firenze a cui ha preso parte anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Al suo arrivo, il premier è stato accolto dal sindaco Dario Nardella, con cui è previsto un momento di incontro al termine dell'evento, e dal rettore dell'Ateneo fiorentino Luigi Dei. 

Dal palco, Conte ha ricordato Niccolò, lo studente deceduto dopo la caduta dalla sedia a rotelle in piazza Brunelleschi a Firenze e ha annunciato un piano di assunzione di 1.600 ricercatori raccogliendo l'allarme del rettore dell'Ateneo fiorentino Luigi Dei sulla necessità di nuovi investimenti pluriennali: "E' uno dei primi interventi mirati di cui ha urgente bisogno l'Università e crediamo di poterlo già inserire nel decreto Milleproroghe - ha detto il presidente del Consiglio - Abbiamo fatto sacrifici enormi per trovare le risorse necessarie, a fine manovra non era facile. Ma ci teniamo a dare un segnale". 

Il premier ha poi ha detto di fare propria la richiesta di alcuni studiosi di fare di Firenze la sede di un museo della lingua italiana in occasione del settimo centenario dalla morte di Dante nel 2021.  "Con il ministro Franceschini - ha aggiunto il premier - stiamo lavorando a questo progetto, ci teniamo molto e riteniamo che Firenze possa essere la città di elezione per lanciare questo potente messaggio a tutta la comunità nazionale e non solo". 

Iniziativa subito raccolta dal sindaco di Firenze Dario Nardella: "Stiamo lavorando per individuare le sedi più appropriate per fare di questo museo un centro di attrazione internazionale per le scuole e le università e per il grande pubblico in generale. Il museo dovrà avvalersi delle più avanzate tecnologie". Nessuna indiscrezione se non che si tratta di un "immobile di pregio storico artistico, non utilizzato, facilmente accessibile e delle dimensioni giuste da rendere utilizzabile in termini rapidi". 

Intanto all'esterno di Palazzo Vecchio il sindacato Filcams Cgil ha organizzato un presidio in vista della nuova gara per i duecento lavoratori in appalto dell'Università. 



Tag

Zaia: «Grazie all'igiene dei veneti solo 116 positivi, i cinesi? Li abbiamo visti tutti mangiare i topi vivi»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità