Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12°14° 
Domani 13°17° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 20 ottobre 2019

Attualità martedì 03 maggio 2016 ore 14:47

Rossi promette 50mila posti di lavoro in più

Servizio di Alessandro Turini

La Regione vara il piano regionale di sviluppo fino al 2020. Nove obiettivi in cinque anni, tre pilastri di finanziamento: "E 80mila poveri in meno"



FIRENZE — Nove obiettivi in cinque anni, sei mutuati dall'Europa e tre propri della Regione Toscana. E' il piano regionale di sviluppo 2016 2020 presentato questa mattina dalla giunta. 26 progetti finanziati con 6,4 miliardi di risorse pubbliche ( molti sono i fondi europei, altri direttamente regionali ), oltre alle quali si potranno aggiungere quelle private dei grandi player,soprattutto nel settore delle infrastrutture.

In un quadro futuro dove i traguardi fissati collocano la Toscana all'interno di una dimensione da regione europea. “Abbiamo resistito meglio alla crisi” ha sottolineato orgogliosamente il presidente Enrico Rossi. “I maggiori indicatori disegnano infatti una curva che ci colloca solo dietro Trentino e Lazio”.

Solo per fare alcuni esempi tra il 2008 e il 2015 il pil in Toscana è calato del 5,4 per cento mentre nel nord Italia del 7,5 mentre l'export è addirittura cresciuto del 30 per cento.

Proprio per questo gli obiettivi prefissati dal Prs sembrano più realistici: i sei combinati con l'Europa sono l'aumento di occupati al 71 per cento e delle spese in ricerca e sviluppo all'1,5 per cento, la riduzione di gas serra e della produzione di energia da fonti tradizionali, il minor abbandono scolastico da contenere al 13 per cento, l'incremento dei laureati fino a oltre il trenta per cento, l'esclusione di sempre più persone dalla povertà.

Ed ecco poi i tre obiettivi tipicamente toscani: fermare la deindustrializzazione con obiettivo il 20 per cento di occupati, ridurre le disparità interne fra i territori recuperando il gap della costa, abbattere a zero il consumo di suolo arrivando al 2020 a conclusione di tutti i piani urbanistici comunali per poi passare solo ai recuperi e non a nuove edificazioni. Per una Regione che viaggi spedita e compatta, nelle intenzioni del presidente Rossi.                



Tag

Centrodestra, Maglie: «Che sia il crocifisso o i tortellini chiediamo rispetto per quello che noi siamo»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca