comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:59 METEO:FIRENZE14°19°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 26 ottobre 2020
corriere tv
Conte firma il nuovo dpcm: bar e locali chiusi dalle 18

Attualità lunedì 27 luglio 2020 ore 18:15

Nel mondo la pandemia continua ad accelerare

Nelle ultime sei settimane i casi di SarsCov2 sono raddoppiati. Il prossimo giovedì saranno sei mesi dalla dichiarazione di emergenza sanitaria gobale



FIRENZE — In Cina nelle ultime ore i casi di Covid registrati sono stati 61, il punto più alto dallo scorso aprile, tutti casi riconducibili a focolai. In Vietnam sono stati fatti evacuare 80.000 turisti. Il numero di contagi da coronavirus nel mondo ha superato quota 16 milioni e i morti sono 648.937 in totale.

L'Oms lancia l'allarme focolai e nella prossima settimana il Comitato emergenza rivaluterà stato pandemia.

A sottolinearlo il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra. "Questo giovedì - ha detto - sono sei mesi da quando l'Oms ha dichiarato Covid-19 un'emergenza di sanità pubblica internazionale. Quando ho dichiarato l'emergenza di sanità pubblica internazionale il 30 gennaio - il più alto livello di allarme ai sensi del diritto internazionale - c'erano meno di 100 casi di Covid al di fuori della Cina e nessun decesso. Oggi sono quasi 16 milioni i casi segnalati all'Oms con oltre 640.000 decessi. E la pandemia continua ad accelerare". 

"Nelle ultime 6 settimane, il numero totale di casi è quasi raddoppiato. Questa è la sesta volta che un'emergenza sanitaria globale è stata dichiarata ai sensi dei regolamenti sanitari internazionali, ma è di certo la più grave", ha aggiunto il Dg.

"E' importante essere molto vigili per individuare e bloccare i cluster", ha aggiunto Tedros parlando di Giappone e Australia, "ancora storie di successo" nella lotta al virus. "Sebbene il nostro mondo sia cambiato, i pilastri fondamentali della risposta a Covid-19 non cambiano: leadership politica, informazione, coinvolgimento e ascolto delle comunità - ha aggiunto - E nemmeno le misure di base necessarie per sopprimere la trasmissione e salvare vite umane: trovare, isolare, testare e curare i casi, ma anche rintracciare e mettere in quarantena i loro contatti". 

Ma è importante anche agire in prima persona: "Mantieni la distanza dagli altri, lavati le mani, evita le aree affollate e chiuse e indossa una mascherina dove è raccomandato - esorta Tedros - Laddove vengono seguite queste misure, i casi diminuiscono. Dove non lo sono, i casi aumentano".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità