comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°23° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
mercoledì 23 settembre 2020
Giani
863.611
 
48.62%
Ceccardi
718.605
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.667
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
Referendum, Crimi: «Informazione libera da interessi privati»

Attualità lunedì 10 agosto 2020 ore 10:45

Crollo ponte, 150.000 euro per aiutare le imprese

Il ponte crollato ad Albiano Magra

Stanziate le risorse per un bando destinato alle aziende che hanno subito danni in seguito al crollo del ponte sul fiume Magra lo scorso 8 Aprile



FIRENZE — La giunta regionale ha stanziato 150mila euro per sostenere le imprese che hanno riportato danni in seguito al crollo del ponte di Albiano, sul fiume Magra, avvenuto lo scorso 8 Aprile. Il bando sarà pubblicato a breve: l’intervento riguarda le attività economiche con sede nella frazione di Albiano, comune di Aulla.

Dell’agevolazione possono beneficiare le piccole e medie imprese regolarmente iscritte presso la Camera di commercio ed i titolari di partita iva in possesso dei seguenti requisiti: esercenti attività economiche e produttive extragricole; la cui attività non risulti cessata al momento di presentazione della domanda; sede legale e/o unità locale nella frazione di Albiano; inattive al momento della presentazione della domanda, purché l’attività venga ripristinata prima dell’erogazione del contributo.

Nello specifico, la misura massima del sostegno finanziario è calcolata fino al 50% del valore del danno, quantificato in base alla differenza tra il valore del fatturato del periodo per il quale il soggetto richiedente è stato autorizzato all’esercizio dell’attività durante l’emergenza sanitaria da Covid ed il valore mediano del fatturato negli stessi periodi degli ultimi tre esercizi, riparametrato sullo stesso numero di giorni. Nel caso di imprese esercenti attività prevalentemente manifatturiera il contributo è quantificato dalla differenza tra il valore dei costi di trasporto e approvvigionamento registrati nel periodo per il quale si è stati autorizzati all’esercizio dell’attività durante l’emergenza sanitaria ed il valore mediano di tali costi negli stessi periodi dei tre esercizi precedenti.

Le imprese richiedenti devono garantire il mantenimento dello stesso numero di dipendenti alla data dell’1 aprile 2020 e sottoscrivere l’impegno a garantirne il mantenimento fino a erogazione del saldo.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità