comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 17°28° 
Domani 18°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
sabato 19 settembre 2020
corriere tv
«Grazie alle mie due lauree...» Il tenente colonnello che si autoelogia in diretta idolo del web

Elezioni 2020 mercoledì 05 agosto 2020 ore 19:00

SONDAGGIO - Regionali, quei 3 punti ballerini e l'importanza del fattore C

foto di repertorio elezioni regionali 2015
foto di repertorio elezioni regionali 2015

In Toscana i candidati presidente possono smuovere fino all'8% dei voti secondo i dati di Opimedia. Crescono Sinistra, M5S, Verdi, +Europa, Azione



FIRENZE — Disegnano elezioni dal risultato non scontato i dati dell'ultimo sondaggio condotto da Opimedia in esclusiva per Quinews Toscanamedia sull'orientamento di voto per le  regionali del 20-21 Settembre.

La coalizione di centrosinistra che sostiene il candidato presidente Eugenio Giani, formata da Pd, Italia Viva, +Europa e altre liste, tocca il 45% e mantiene un vantaggio di 3 punti sulla coalizione formata da Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia e altre liste che appoggia Susanna Ceccardi, che arriva al 42%. Secondo gli esperti di Opimedia però, si tratta di un distacco limitato che rende la competizione elettorale toscana particolarmente dipendente dalle strategie d’immagine adottate dagli staff dei candidati, a partire dai candidati presidenti della Regione. 

"Colpi di scena o una gaffe dei contendenti possono determinare scostamenti decisivi in una campagna giocata, in tempo di Covid, soprattutto sui media e sui social - spiegano i ricercatori di Opimedia -  Il voto sarà determinato dalle preferenze di lista e di schieramento ma anche dalle preferenza personale degli elettori verso i candidati a ricoprire l’incarico di presidente della Regione Toscana. Significative differenze di attrattività tra i candidati alla presidenza regionale possono spostare dal 3% all’8% dei voti complessivi, con punte fino al 10%".

Per quanto riguarda invece il consenso raccolto dai partiti, il sondaggio di Opimedia evidenzia nel mese di Luglio la crescita di 2 punti di Toscana a Sinistra (candidato presidente Tommaso Fattori) che raggiunge così il 4% necessario per entrare in Consiglio regionale. Guadagna un punto prezioso anche il Movimento 5 Stelle che, con la candidata presidente Irene Galletti, risale all'8%. In crescita anche Forza Italia che torna al 5%  mentre salgono al 2% i Verdi, +Europa (che però correrà insieme a Italia Viva con una lista unica), Azione di Carlo Calenda (che non presenterà una lista ma ha dato indicazione di voto per Eugenio Giani).

Stabili i dati della Lega, ferma al 23% dei consensi, e di Fratelli d’Italia al 13%.
Il Pd resta primo partito con il 32% dei voti (stesso risultato del sondaggio di Giugno) così come Italia Viva di Matteo Renzi conferma il 7% di un mese fa.

Quasi nulli i cambiamenti circa le proiezioni dei seggi da attribuire. 

In caso di vittoria dello schieramento di centrosinistra, in vantaggio secondo i dati del sondaggio, si possono ipotizzare due situazioni determinate dal superamento o meno della soglia del 45%

Nel primo caso la coalizione che sostiene Giani otterrebbe 24 consiglieri su 40, di cui 20 del Pd e 4 di Italia Viva oltre al candidato presidente eletto. Nell’ipotetica minoranza consigliare, 8 sarebbero i consiglieri per la Lega, 5 per Fratelli d’Italia e 1 ciascuno per Forza Italia e la lista di civica di centrodestra a sostegno della Ceccardi. 

Il M5S otterrebbe la rappresentanza con un seggio assicurato al candidato presidente.

seggi coalizioni con la maggioranza al di sopra del 45% dei voti

seggi coalizioni con la maggioranza al di sopra del 45% dei voti

seggi partiti con la maggioranza al di sopra del 45% dei voti

seggi partiti con la maggioranza al di sopra del 45% dei voti

Nel caso un'ipotetica maggioranza di centrosinistra si assestasse sotto il 45%, disporrebbe di 23 consiglieri di cui 4 di Italia Viva e 19 del Pd (-1). Il seggio in più destinato alla minoranza andrebbe al M5S.

seggi coalizioni con la maggioranza al di sotto del 45% dei voti

seggi coalizioni con la maggioranza al di sotto del 45% dei voti

seggi partiti con la maggioranza al di sotto del 45% dei voti

seggi partiti con la maggioranza al di sotto del 45% dei voti

--

Il SIR (“Super Indice Regionale” ©) è un modello statistico elaborato ogni 15 giorni su base regionale da Opimedia.
Il dato finale è il risultato prodotto da modelli matematici che combinano i dati storici su base locale con gli indici ricavati da tutti i sondaggi elettorali degli ultimi 15 giorni.
Il SIR (“Super Indice Regionale”©) fornisce dunque l’andamento del consenso dei principali partiti e delle coalizioni nella regione di riferimento.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca