Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°33° 
Domani 21°35° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 27 giugno 2019

Attualità sabato 02 febbraio 2019 ore 13:15

Volt, il movimento per l'Europa in congresso

Il movimento creato dai giovani pro Europa a Firenze per il congresso nazionale. Presente anche Carlo Calenda. Volt correrà per le Europee 2019



FIRENZE — Congresso nazionale a Firenze per Volt Italia, movimento politico paneuropeo che si presenterà alle elezioni europee. E Volt Italia si presenta nella due giorni al cinema Odeon nel capoluogo toscano.. 

Durante la giornata di oggi al cinema Odeon è stato presentato il programma del movimento, la Dichiarazione di Amsterdam, la città dove è stato redatto, poi le primarie per sciegliere chi andrà a Bruxelles. Presenti anche i coordinatori nazionali come quello italiano,  Andrea Venzon presidente di Volt Italia.

Tanti gli argomenti trattati e gli ospiti presenti alla riunione nazionale, dove gli oltre 400 'Volters' hanno fatto sentire la propria voce, esprimendo le loro preferenze su candidati e policy, in vista delle ormai prossime elezioni europee. La giornata si è conclusa dopo un susseguirsi di interventi degli ospiti che componevano la ricca agenda.

Il teatro cinema Odeon, vestito di viola per l'occasione, l'ex ministro allo Sviluppo Economico Carlo Calenda, Marco Bentivogli, segretario generale Fim Cisl nazionale, Marco Cappato di +Europa, Roger Abravanel, saggista, Marcella Mallen, presidente di Prioritalia, Beatrice Covassi, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Giorgio Anselmi, presidente del Movimento Federalista Europeo, e Antonio Argenziano, tesoriere nazionale Gioventù Federalista Europea.

"Noi abbiamo due soggetti fondamentali la cui coscienza è stata sequestrata dai sovranisti: i giovani e i lavoratori". Ha detto Marco Bentivogli, segretario generale della Fim-Cisl, intervenendo al congresso. "In Germania - ha affermato - gli orientamenti dei giovani tedeschi son ofortemente europeisti: in Italia troppe ragazze e ragazzi sono cascati sull'idea che l'Europa sia la causa di tutti i mali, enon quello che pensiamo, ovvero che sia la soluzione di gran parte dei problemi".

"Ho proposto una mobilitazione comune su una iniziativa dei cittadini europei di un milione di firme da raccogliere in sette paesi per una fiscalità europea ecologica: spero che su questo, a prescindere dalle scelte elettorali, potremmo da subito lavorare insieme, anche con altrimovimenti interessati, +Europa, i Verdi, Pizzarotti". Ha affermato Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni e candidato sconfitto alla guida di +Europa, in un messaggio inviato al congresso di Volt Italia.

 "Poi - ha proseguito - se questo potrà anche diventare unabase comune per una proposta elettorale lo vedremo. La cosaimportante è partire a lavorare insieme su obiettivi concreti, elo strumento delle iniziative dei cittadini europei credo chesia proprio lo strumento adeguato per un partito paneuropeo". 

Quella di Volt Italia, ha sottolineato Cappato, è "una sceltache guarda al futuro: cercherò di fare il possibile persostenere e aiutare questo vostro progetto".

Volt è un movimento nato dall'idea di un gruppo di giovani che dopo la Brexit si è riunito per impesagnarsi a costruire un'alternativa in tutti i paesi europei, tutti i rappresentati del movimento sarebbero alla prima esperienza politica.

Sul sito del movimento si legge "Volt è un movimento progressista e paneuropeo. Progressista, perché guardiamo al progresso come l’unica via di uscita per rilanciare il paese. Paneuropeo, perché siamo una forza unica con una direzione strategica continentale poi declinata nei singoli stati. Il modello di destra e sinistra è oggi superato, e le ideologie alla base di questa suddivisione sono esse stesse superate - una su tutte la destra dei ricchi contrastata dalla sinistra che vuole equità".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità