Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°23° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 21 agosto 2019

Politica lunedì 30 novembre 2015 ore 09:57

Fusioni dei Comuni, aumentano gli incentivi

Contributi regionali più consistenti e corsia preferenziale per i bandi pubblici: ecco i nuovi provvedimenti messi a punto da Pd toscano e Regione



MONTECATINI — Del tema si è parlato nel corso del seminario “La fusione fa la forza” che si è tenuto a Montecatini, dedicato al riassetto degli enti locali. Ai lavori hanno partecipato oltre 250 tra sindaci, amministratori, parlamentari e dirigenti del PD toscano insieme al sottosegretario alla pubblica amministrazione Angelo Rughetti.

E' stato proprio Rughetti ad annunciare ha annunciare il probabile incremento anche dei finanziamenti nazionali. Ma la partita degli incentivi si gioca molto a livello locale. Nel mese di dicembre sarà presentata dal Pd in consiglio regionale una risoluzione collegata al bilancio per chiedere che sia attribuito ai Comuni risultato di fusione un punteggio aggiuntivo nelle graduatorie per l'aggiudicazione dei bandi regionali riservati alle amministrazioni pubbliche. 

Il provvedimento andrà ad aggiungersi all'aumento di un milione di euro dei finanziamenti contenuti nella proposta di bilancio regionale per il 2016 licenziata dalla giunta.

Si tratta di misure che andranno a sommarsi a quelle già esistenti: lo Stato finanzia i Comuni nati da fusione per dieci anni con una cifra pari al 20 per cento dei trasferimenti avuti nel 2010. La regione Toscana stanzia ad oggi altri 250mila euro per ogni comune per cinque anni.

“La nostra discussione continua perchè le fusioni possono essere incoraggiate, ma non calate dall'alto. La decisione finale spetta ai cittadini. Al nostro partito e ai nostri amministratori il compito di favorire un dibattito documentato coinvolgendo comunità locali e parti sociali. Dove le fusioni sono avvenute i cittadini hanno visto una riduzione della pressione fiscale, servizi più efficienti, più investimenti in opere pubbliche e semplificazione burocratica” spiega il segretario regionale dem Dario Parrini – A livello legislativo siamo impegnati perchè la Regione, che ha già da anni una legge molto avanzata in materia, continui su questa linea e incentivi ancora di più le fusioni. Ma i vantaggi economici non sono tutto. Le fusioni sono strumento decisivo per far funzionare meglio i nostri comuni”.

“Dopo il riordino delle funzioni provinciali, da un lato dobbiamo svolgere il nostro ruolo nel nuovo senato e lavorare per la "regione di mezzo" con Umbria e Marche. Dall'altro si deve rafforzare il territorio e ci vogliono comuni più strutturati e più grandi - ha detto  l'assessore regionale Vittorio Bugli - credo che si debba premiare chi si fonde nei nostri bandi, modificare la distribuzione dei fondi che incentivano le fusioni in base al numero di abitanti, mettere a disposizione sistemi perché non si perda il contatto con i cittadini, rivedere le criticità delle unioni, spingere ancora per programmazioni e pianificazioni di area”.

“In numeri, l'obiettivo che ci diamo – spiega il vicesegretario PD Antonio Mazzeo –, nel solco del decreto Delrio, è entro la fine della legislatura nel 2020, avere completato la fusione per quei comuni sotto 5mila abitanti o sotto 3mila abitanti nel caso di territori montani. Questo riguarda i piccoli comuni, ma i processi di fusione devono partire anche nei contesti densamente urbanizzati in cui si può puntare a numeri molto alti, addirittura allargando i confini dei capoluoghi. Ogni territorio ha infatti le proprie specificità, alla luce delle quali gli amministratori locali e i cittadini sono chiamati a fare le scelte più idonee caso per caso”.

Il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani ha annunciato una proposta di legge per garantire il mantenimento dei nomi storici della comunità che si fondono, evitando la nascita di nuovi toponimi che non sarebbero accettati dalla popolazione.

Il presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato Matteo Biffoni ha messo a disposizione le strutture del!'Anci per tutti quei sindaci che vorranno approfondire la materia e le procedure delle fusioni per poi intraprendere questo percorso.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità