Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 9° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 11 dicembre 2019

Attualità lunedì 18 maggio 2015 ore 12:05

Immigrazione clandestina, oltre 200 indagati

Le fiamme gialle hanno smantellato un organizzazione che creava documenti falsi per far ottenere permessi di soggiorno ai cittadini cinesi



FIRENZE — Nel mirino degli agenti della Guardia di finanza di Prato, che stanno compiendo perquisizioni in tutta Italia, un gruppo criminale italo-cinese che, grazie alla complicità di consulenti del lavoro italiani, creava documenti falsi che certificavano rapporti di lavoro inesistenti: in questo modo i cittadini cinesi potevano ottenere il rinnovo dei permessi di soggiorno.

Tutto è cominciato nel 2013 con l'indagine " False residenze " del 2013 quando fu scoperta un associazione a delinquere che, grazie all'aiuto di un pubblico ufficiale e al pagamento di tangenti, iscriveva irregolarmente cittadini cinesi nelle liste anagrafiche del comune di Prato.

Il gruppo criminale, aiutato da almeno 13 soggetti tra cui diversi imprenditori cinesi e 2 consulenti del lavoro italiano, metteva a disposizione buste paga, cud e dichiarazioni di ospitalità.

Documenti costosi: si andava dalle 100 alle 400 euro a seconda del tipo di documento richiesto.

Scoperto anche un giro di imprese inesistenti.



Tag

Renzo Bossi: «I 49 milioni erano sul conto quando papà se ne andò»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità