comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 23°27° 
Domani 21°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
martedì 14 luglio 2020
corriere tv
Antonio Razzi ‘imita' il Gladiatore Russell Crowe (con una pentola in testa)

Attualità venerdì 12 dicembre 2014 ore 17:28

In Toscana 5 ospedali senza accreditamento

Sono le aziende ospedaliero-universitarie di Careggi, delle Scotte, di Cisanello e la Asl di Massa Carrara. Mugnai (Forza Italia): "E' gravissimo"



FIRENZE — L'accreditamento è una procedura prevista dalla legge regionale per garantire ai cittadini che tutte le strutture ospedaliere, pubbliche e private, possiedano una serie di requisiti in termini di sicurezza e di efficienza dei servizi.

"Malgrado due anni di proroga e procedure semplificate - sottolinea il consigliere regionale azzurro Stefano Mugnai, vicepresidente della commissione sanità - le tre aziende ospedaliero-universitarie di Careggi a Firenze, le Scotte a Siena e Cisanello a Pisa più la Asl 1 di Massa Carrara non sono riuscite a portare a compimento l’indispensabile procedura di accreditamento entro i termini. E così dal primo gennaio si troveranno in game over operativo".

«Tutte le strutture sanitarie e di servizi alle persona, private e pubbliche, si sarebbero dovute accreditare - spiega Mugnai -  I privati l’hanno fatto, spesso facendosi carico di costi non indifferenti per mettersi in regola, mentre non altrettanto hanno fatto le strutture pubbliche più importanti a livello regionale nonostante avessero avuto più tempo e potessero avvalersi di un percorso più semplice».

«Mentre la Asl 10 di Firenze e la Asl 6 di Livorno sono in procinto, benché in zona cesarini, di completare la pratica - conclude il consigliere di Forza Italia -  dagli uffici già si sa che invece le tre aziende ospedaliere di Firenze, Siena e Pisa e l’Asl 1 non saranno in grado di fare altrettanto. Ora, data l'elevata l’incidenza dell’attività sanitaria svolta soprattutto nei tre ospedali universitari sul complesso dell’operatività regionale, la cosa è non grave: è gravissima».



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS