Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°23° 
Domani 19°27° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 22 agosto 2019

Attualità giovedì 02 ottobre 2014 ore 16:39

La raccolta differenziata supera il 45%

Nel 2013 in Toscana si è registrato un aumento di circa 2 punti rispetto all'anno prima. 14 i comuni oltre il 90%. In forte calo i rifiuti urbani



FIRENZE — I magnifici 14 sono Capraia e Limite (94,66%), Castelfiorentino (90,53%), Cerreto Guidi (94,31%), Certaldo (93,26%), Empoli (94,26%), Fucecchio (95,32%), Gambassi Terme (99,30%), Lamporecchio (97,27%), Larciano (98,57%), Monsummano Terme (94,71%), Montaione (93,99%), Montelupo fiorentino (93,52%), Serravalle Pistoiese (96,69%) e Vinci (91,68%).

I comuni che hanno invece superato il 65% sono 46 su un totale di 280.

Nel dettaglio, nel 2013 sono stati raccolti 598 chilogrammi di rifiuti urbani ad abitante, con una diminuzione di circa 18 chili a persona rispetto a 2012 e il ritorno a valori analoghi a quelli del 1999. A fronte della raccolta differenziata aumentata, quella dei rifiuti indifferenziati è diminuita del 5%

Per quanto riguarda la differenziata, mediamente nel 2013 è stata pari a 253 kg/abitante. Risultati variabili da proivncia a provincia: ad Arezzo i kg pro capite sono stati 189, a Firenze 285, a Grosseto 183, a Livorno 225, a Lucca 305, a Massa 191, a Pisa 249, a Pistoia 233, a Prato 302, a Siena 256.

Sempre nel 2013, il risultato migliore in termini di efficienza della raccolta differenziata è stato quello dell'ATO Toscana Centro (province di Firenze, Pistoia e Prato) con il 52,89%; seguono l'ATO Costa (province di Livorno – esclusi i comuni della Val di Cornia-, Lucca, Massa e Pisa) con il 45,44% e l'ATO Toscana Sud (province di Arezzo, Grosseto, Siena e comuni livornesi della Val di Cornia) con il 38,29%

Nel commentare i dati generali sulla raccolta differenziata e sulla produzione di rifiuti l'assessore regionale all'ambiente, Anna Rita Bramerini, ha parlato di una crescita soddisfacente ma ha anche evidenziato il tanto lavoro necessario per raggiungere l'obiettivo europeo del 50% di riciclo e soprattutto del riutilizzo entro il 2020.

In Toscana nel 2013 si sono raccolte in forma differenziata e avviate a riciclaggio 274.000 tonnellate di carta e cartone (29% del totale RD), 266.000 tonnellate di rifiuti organici (28%), 105.000 tonnellate di sfalci e potature (11%), 66.000 tonnellate di legno (7%), 100.000 tonnellate di vetro (11%), 23.000 tonnellate di metallo (2%), 60.000 tonnellate di plastica (6%), 19.000 tonnellate di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (2%), circa 8.000 tonnellate di altri rifiuti ingombranti (1%), 7.000 tonnellate di stracci (1%), e circa 2.000 tonnellate di rifiuti urbani pericolosi (ad es. pile esaurite) che rappresentano lo 0,3% delle RD.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità