Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13°21° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
venerdì 18 ottobre 2019

Lavoro mercoledì 12 aprile 2017 ore 07:15

Scoppia la crisi Grandi Molini

L'azienda ha deciso di licenziare 17 dipendenti e non ricorrere alla cassa integrazione. I consiglieri hanno lasciato l'aula e raggiunto la frabbrica



LIVORNO — La seduta del Consiglio comunale di ieri pomeriggio è stata sospesa immediatamente dopo la notizia, comunicata dall’assessore allo Sviluppo economico Francesca Martini, che la Grandi Molini ha deciso definitivamente di mettere in mobilità 17 lavoratori e di non ricorrere alla cassa integrazione. Non solo, l’azienda pare anche essere intenzionata a non rispondere alla convocazione di un tavolo tecnico di trattativa convocato dal presidente della Regione, Enrico Rossi a Firenze per la giornata di oggi, 12 aprile.


“Questa è una posizione gravissima e incomprensibile -
attacca il sindaco Filippo Nogarin - e il fatto che il numero di esuberi su Livorno sia stato ridotto da 30 a 17 persone è solo una magra consolazione. Non ricorrere agli ammortizzatori sociali, che avrebbero permesso ai lavoratori di sopravvivere per 20 mesi in questa fase di passaggio, non ci lascia per nulla fiduciosi sullo sviluppo futuro di questa vicenda".

"Se, insieme a tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione, abbiamo deciso di interrompere immediatamente i lavori dell’aula e recarci subito di fronte ai cancelli della Grandi Molini - aggiunge il presidente del Consiglio, Daniele Esposito -, è per mandare un messaggio chiaro: Livorno è pronta a lottare al fianco di questi lavoratori. Non possiamo più sopportare nuove crisi industriali”

Il presidente della Regione, Enrico Rossi ha parlato di "Comportamento irresponsabile" esprimendo il suo vivo disappunto e la sua ferma condanna nei confronti dei proprietari del marchio Grandi Molini, le aziende GMI e PromoLog che, più volte sollecitate a trovare una positiva composizione della vertenza, hanno invece formalizzato la loro decisione di non accettare la proposta di accordo formulata dalla Regione.

La proposta regionale prevedeva l'utilizzo della cassa integrazione straordinaria, prevista per le aree a crisi complessa, a fronte della disponibilità dei lavoratori e dei sindacati a ridurre gli organici. I proprietari hanno invece fatto presente che intendono procedere a diciassette licenziamenti.



Tag

Richard Gere a «Piazzapulita»: «Salvini vorrebbe che portassi i migranti a Hollywood? Se avessi un aereo privato, lo farei»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità