Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12°24° 
Domani 15°19° 
Un anno fa? Clicca qui
sabato 21 settembre 2019

Attualità giovedì 27 novembre 2014 ore 11:29

Lo sciopero al rovescio della Cgil Toscana

Mobilitazione per venerdì 28 novembre: lavoratori e pensionati realizzeranno interventi concreti contro il degrado e il disagio in tutta la regione



TOSCANA — Una giornata di lotta, solidarietà e civismo: così la Cgil Toscana descrive lo sciopero al contrario, iniziativa promossa in preparazione dello sciopero nazionale contro il Jobs act dichiarato da Susanna Camusso per il 12 dicembre. 

Nel giorno dello sciopero alla rovescia, le Camere del lavoro di tutta la Toscana resteranno aperte fino alle 23 con dibattiti su legge di stabilità e Jobs Act, raccolte fondi per le famiglie meno abbienti, musica e spettacoli mentre in decine di località gli iscritti al sindacato metteranno in atto interventi a favore del territorio e dei suoi abitanti. Qualche esempio? A Follonica saranno effettuati lavori di manutenzione a una rotonda; a Pistoia alcuni musei hanno programmato apertura straordinarie; a Carrara verrà imbiancata una scuola danneggiata dall'alluvione; a Siena si faranno lavori di decoro urbano in zona Fortezza; ad Arezzo una raccolta e distribuzione di cibo per i bisognosi, a Prato una donazione di sangue collettiva.

“Sarà una giornata di lotta all’insegna della solidarietà e del civismo, con iniziative concrete di contrasto al degrado e al disagio che lambiscono le nostre città - ha dichiarato il segretario regionale di Cgil Toscana Alessio Gramolati -  Vogliamo bene al nostro Paese e alle persone che ci vivono e ci lavorano. E ci diamo da fare con loro, perché di fronte ai problemi non ci voltiamo dall’altra parte”.

I primi scioperi al rovescio ebbero protagonisti negli anni '50 i disoccupati che, in un Paese ancora in ginocchio dopo la guerra, affermarono il loro diritto a non essere dimenticati impegnandosi in opere di pubblica utilità. Senza aspettare le iniziative del governo, i i disoccupati si rimboccarono le maniche insieme ai contadini poveri e ai senzaterra. 

“Oggi, quell'impegno resta lo stesso - ha aggiunto Gramolati - E il 28 novembre si farà questo in tutte le province toscane: guardare i luoghi e le situazioni del territorio dove serve un aiuto, una mano, un intervento, e fare qualcosa per migliorarli. Tutti insieme: volontari, lavoratori, pensionati, disoccupati. Oltre all'inclusione, nelle iniziative nelle Camere del lavoro sarà dato anche un messaggio di apertura e voglia di confronto”.

Ecco il programma delle iniziative:

SIENA: a Siena, la mattina intorno alla Fortezza, sciopero al rovescio per interventi di decoro urbano. Dalle 20,30 alle 22,30, nelle Camere del lavoro di Chiusi, Poggibonsi e Sinalunga, assemblee aperte alla cittadinanza su Jobs Act e Legge di Stabilità. Ad Abbadia San Salvatore spettacolo teatrale sul Jobs Act (alle 21 al Club 71). Lo SPI CGIL riunirà presso l'Hotel Garden di Siena l’attivo provinciale delle venti leghe presenti in tutto il territorio, per condividere e supportare la piattaforma e la mobilitazione lanciata dalla CGIL con lo sciopero generale del 12 dicembre.

MASSA CARRARA: nello sciopero al rovescio, per tutta la giornata la Camera del lavoro e la segreteria regionale della CGIL saranno impegnate nell'imbiancatura del Liceo Linguistico Montessori di Marina di Carrara. Dalle ore 18,30 presso la Camera del lavoro ci sarà l'apericena solidale. Si chiede a tutti di portare un dono per i bimbi dell'asilo di Marina di Carrara colpito dall'alluvione. Festa con Karaoke.

LUCCA: alla Camera del lavoro, mattinata di dibattito con le istituzioni territoriali sui temi del contrasto al degrado e al disagio sociale, in particolare sulla disoccupazione giovanile nella provincia.

LIVORNO: in vari posti di lavoro, previste iniziative di sciopero al rovescio. La mattina, volantinaggi nei territori. Alle 15 alla Camera del lavoro presentazione del libro “Lettere dall'Inferno” di Daniele Quiriconi con Franco Martini (segreteria nazionale Cgil), Maurizio Strazzullo e il direttore del Tirreno Omar Monestier. A seguire, la Flc Cgil che incontra gli studenti e la proiezione delle interviste ai lavoratori raccolte nello sciopero del 25 novembre. Alle 20,30, cena auto-organizzata. Alle 21, proiezione del film “Schiavi”.

AREZZO: sciopero al rovescio per la raccolta e distribuzione di prodotti alimentari per aiutare i bisognosi. Alla Camera del lavoro, alle 20,30 proiezione del film “Il tempo della solitudine”, segue dibattito.

GROSSETO: sciopero al rovescio a Follonica, con lavori di manutenzione a una rotonda. Volantinaggi nelle scuole superiori della provincia. A Massa Marittima gazebo in piazza per raccogliere le firme contro i tagli ai patronati. A Grosseto dal pomeriggio sit-in in piazza Dante, musica, incontri con gli studenti e “Cacerolada” nel centro storico.

FIRENZE: prevista una serie di incontri nei circoli Arci e nelle Camere del lavoro del territorio fiorentino per spiegare ai cittadini i motivi dello sciopero nazionale generale del 12 dicembre. Alle 9,30 all'aula Strozzi dell'Università di Firenze (via La Pira) dibattito “Cambiamenti climatici e tutela del nostro patrimonio artistico e culturale” (focus sul caso fiorentino dell'Orto Botanico, colpito da un nubifragio: un luogo simbolo, a partire dal quale come Cgil “siamo impegnati per sollecitare un impegno straordinario e solidale per la messa in sicurezza del territorio”), col professore Lorenzo Rook, Bernardo Gozzini (Lamma), Paolo Luzzi (Orto Botanico), Sara Nocentini (assessore Regione Toscana), Alessandro Rapezzi (Flc Cgil) e Mario Batistini (Cgil). Dalle 8 alle 10 in piazza SS.Annunziata a Firenze Fp Cgil sostiene la raccolta di firme per una legge di riforma dei servizi educativi 0/6 anni in discussione in Parlamento.

PISTOIA: sciopero al rovescio di chi studia o lavora nei campi della cultura, dell'arte, dello spettacolo, della musica, del teatro, dell'ingegno, della conoscenza, dei beni culturali e del patrimonio artistico. Interesserà dalle 10 alle 17 alcuni luoghi simbolici di Pistoia: palazzo Fabroni, il Museo civico, il museo Marino Marini, il Museo e centro per la documentazione musicale Tronci (in serata apericena e concerto dei Sus), palazzo di Giano, Palazzo Vescovi e la Casa studio Fernando Melani. Una manifestazione sui generis che andrà dall'impegno a tenere aperti questi luoghi - anche in maniera straordinaria laddove risultino chiusi - all'organizzazione di visite guidate per gli studenti e la cittadinanza, fino alla chiamata all'azione per singoli o gruppi impegnati in questi settori. Al Palazzo Balì alle 15,30 dibattito sulla scuola con Alessandro Rapezzi (Flc Cgil), Maria Patrizia Bettini (Usr), Alessia Petraglia (Sel), Daniela Lastri (Pd), Carlo Testi (dirigente scolastico), Giuliano Franceschini (Professore Università Firenze). In piazza Duomo tutto il giorno presidio, musica, giochi di strada.

PRATO: donazione del sangue collettiva organizzata dalla CGIL presso il Centro Trasfusionale dell'Ospedale di Prato. Camper itinerante nei comuni di Poggio a Caiano, Montemurlo, Vaiano e rientro serale in piazza Mercatale fatto dalla Filcams con Inca e Caaf per parlare di Jobs Act, taglio dei Patronati, sciopero del 12 dicembre. Alla Camera del Lavoro addobbi della facciata, musica dal vivo, banchini “tipo scuola” con le varie categorie della Cgil, porchetta e vino.

PISA: ore 10-12 volantinaggi ai Centri per l'impiego di Pisa, Pontedera, Santa Croce, Volterra. Ore 12-14 volantinaggi nelle mense universitarie. Ore 13-16 meeting point Filcams in piazza del Carmine. Alle 17 street band da piazza Garibaldi a viale Bonaini. Alle 20 in Camera del lavoro cena con pizza, cecìna, kebab; a seguire, “Piazza dei diritti” con le associazioni pisane. Alle 23 concerto dei “Thirty seconds to Mars” al Borderline di via Vernaccini.

LE INIZIATIVE FILCAMS

1) Sciopero al rovescio: Filcams CGIL Regionale ha individuato l'asilo nido “Il Girotondo” di Marina di Carrara, che ha subito danni pesantissimi dall’alluvione, come destinatario di un aiuto economico, chiedendo ad alcune aziende un contributo. Perciò, i lavoratori faranno uno sciopero al rovescio garantendo la prestazione lavorativa per l'intera giornata.

2) Una serie di presìdi in tutte le province della Toscana, “La Filcams in piazza”, con gazebo informativi nelle piazze e nei corsi dei centri storici.

3) 5mila braccialetti con la scritta “Lavoro, dignità contratto” da fare indossare, per tutta la giornata, alle lavoratrici e ai lavoratori.

LE INIZIATIVE SLC

Volantinaggio presso gli uffici postali più grandi della regione, riportando le preoccupazioni per i tagli sul servizio.



Tag

La moral suasion di Giorgia Meloni alla platea di Atreju per evitare i fischi a Conte

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità