Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°26° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
domenica 16 giugno 2019

Cronaca venerdì 10 maggio 2019 ore 15:35

Infermiera aggredita alla Cittadella della salute

Uil Fpl: "La goccia che fa traboccare il vaso. Subito un servizio di vigilanza attiva a tutela dei lavoratori e dei pazienti"



LUCCA — Un'infermiera è stata aggredita alla Cittadella della Salute di Campo di Marte. Lo riferisce la Uil Fpl di Lucca che, attraverso una nota a firma del segretario Pietro Casciani e dei rappresentanti sindacali Andrea Lunardi e Giancarlo Pucci chiede "Subito un servizio di vigilanza attiva a tutela dei lavoratori e dei pazienti".

Il fatto sarebbe accaduto ieri mattina. Autore dell'aggressione sarebbe una donna che si era recata negli uffici per ritirare un referto. A consegnarlo una dipendente di Campo di Marte. 

"Subito dopo che ha messo il referto nelle mani della donna - riferisce la Uil Fpl-quest’ultima l’ha spinta con forza: la dipendente ha perso l’equilibrio ed è andata a sbattere la testa con forza". 

La donna avrebbe riportato un trauma cranico che ha richiesto l’intervento di un’ambulanza e il trasporto in pronto soccorso. "Ed è andata bene - sottolinea il sindacato- è solo fortuna se non siamo a commentare una tragedia. L’ennesimo episodio, dopo tante denunce e sollecitazioni, che fa traboccare un vaso già colmo".

Casciani, Lunardi e Pucci incalzano la dirigenza della Usl Toscana Nord Ovest: “La misura è stata superata da tempo - scrivono regretario e rappresentanti di Uil Fpl - A Campo di Marte i lavoratori rischiano la propria incolumità. Manca la sicurezza sia per gli operatori sia per gli utenti”.

 “L'aggressore si è subito allontanato mentre i colleghi presenti soccorrevano la collega – proseguono Casciani, Lunardi e Pucci-. Visto il trauma subito è stato chiamato il 118: ha fatto intervenire una ambulanza che ha provveduto al trasporto in pronto soccorso per verificare eventuali danni subiti. E’ solo l’ultimo caso dopo varie segnalazioni inviate all’azienda il 23 settembre del 2016 e il 22 gennaio del 2018. Ancora non è stato fatto nulla, anche dopo la raccolta di firme della Uil Fpl a sostegno di una proposta legge per contrastare il fenomeno delle aggressioni in corsia e a tutti i dipendenti pubblici. Chiediamo una maggiore tutela per il personale, in particolare per quelle categorie che maggiormente sono a contatto con il pubblico e che, sempre più spesso, sono vittime di minacce e vere e proprie aggressioni fisiche”.

“La Uil Fpl  - si legge nella nota del sindacato- chiede con determinazione, prima che succeda l'irreparabile, che all'ex Campo di Marte venga istituito da subito un servizio di vigilanza attiva, dalle 7 alle 19, ma anche banconi con vetri che dividano l'operatore dall'utenza. Il tutto a tutela di tutte le persone che per lavoro o necessità sono a contatto con l'utenza".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca