Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°29° 
Domani 14°26° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 18 giugno 2019

Attualità sabato 27 settembre 2014 ore 07:05

Arno, finalmente i cantieri anti-alluvioni

Dopo anni di ritardi, al via la costruzione delle casse di espansione di Figline, opera strategica per la sicurezza di Firenze e della valle dell'Arno



FIGLINE VALDARNO — Viste le scarse occasioni di inauguare opere pubbliche vere e proprie, le istituzioni hanno preso l'abitudine di inaugurare anche i cantieri come avviene oggi a Figline, nel Valdarno, per quello delle nuove casse di espansione dell'Arno, opera attesa dai tempi della devastante alluvione del 4 novembre del 1966, programmata nel 2003, finanziata dal 2005 e, dopo infiniti rinvii e un commissariamento, ai nastri di partenza.

Presenti al via ufficiale dei lavori anche il presidente della Regione Enrico Rossi, il capostruttura della missione #Italiasicura Erasmo D'Angelis, sindaci e assessori regionali.

Il cantiere è situato in località Matassino e il progetto rientra fra i cinque interventi considerati prioritari dal governo nazionale per la messa in sicurezza della valle dell'Arno (e quindi di mezza Toscana) dal rischio idrogeologico e in quanto tali realizzabili seguendo procedure burocratiche semplificate. 

Le altre opere in programma sono le casse di espansione di Incisa e di Rignano, quelle di Roffia, la risagomatura e l'adeguamento dello scolmatore d'Arno, l'adeguamento della diga di Levane e di altre opere connesse a Laterina e Piergine Valdarno.

Costo complessivo: 103 milioni di euro, in parte già finanziati con un accordo sottoscritto fra governo, Regione ed enti locali nel 2005, in parte con altri fondi statali.

Servizio sul commissariamento dei lavori sull'Arno - 17 Luglio 2014


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca