Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°18° 
Domani 12°21° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 19 settembre 2019

Attualità martedì 23 dicembre 2014 ore 18:22

Pelletteria, accordo per un'industria etica

Servizio di Tommaso Tafi

La Regione garantirà il massimo della trasparenza nella filiera delle aziende che aderiranno al protocollo siglato con Confindustria, sindacati e Cna



FIRENZE — Gucci, Fendi e Ferragamo si sono detti pronti ad aderire al progetto di filiera etica e sostenibile messo in campo dalla Regione, che ha già contattato anche Prada, Bulgari e MontBlanc

Insomma, le griffe toscane della moda, a pochi giorni dalla trasmissione Report, che ha puntato il dito contro lo sfruttamento della manodopera irregolare da parte dei sub fornitori di Gucci, puntano tutto sulla trasparenza. 

Il protocollo siglato in Regione dal presidente Enrico Rossi, dal numero uno della Cna di Firenze, Andrea Calistri, dal presidente della sezione pelletteria di Confindustria, Franco Baccani e dai rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, arriva a conclusione di un percorso iniziato nel 2003 con l'adozione delle certificazioni SA8000 sulla tutela del lavoro e dei diritti degli operai. 
Da questo momento sarà la Regione stessa a fare da garante e a vigilare sul rispetto da parte degli aderenti al protocollo di tutte le norme in materia di sostenibilità ambientale della lavorazione e confezione dei prodotti, di tracciabilità delle materie prime e di contrasto alla concorrenza sleale.

Obiettivo, tutelare un settore che rappresenta il 12% dell'export toscano e dà lavoro a migliaia di addetti e una crescita che, dal 2011 ad oggi, è stata del 30%.



Tag

Scissione Pd, Letta: «Governo meno forte. Conte preoccupato visto che Renzi lo ha rassicurato»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Cronaca