Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°19° 
Domani 12°19° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 15 ottobre 2019

Lavoro mercoledì 25 giugno 2014 ore 19:30

''Per Piombino aiuti alle imprese oltre i limiti dell'UE''

La richiesta è stata presentata al governo dalla Regione Toscana nel corso dell'ultimo incontro sull'accordo di programma per il rilancio di Piombino



PIOMBINO — La Regione ha presentato al Governo la richiesta di inserimento di Piombino nelle aree cosiddette "107/3c", quelle cioè dove si possono utilizzare i massimali di aiuto alle imprese oltre i limiti previsti ordinariamente dall'Unione europea. Lo ha comunicato l'assessore al lavoro e alle attività produttive, Gianfranco Simoncini, nel corso dell'incontro focalizzato sul piano di riqualificazione e ristrutturazione industriale che si accompagna alle iniziative relative al progetto Lucchini e a quello per la realizzazione del polo di rottamazione e refitting navi nel porto piombinese.

"Il futuro di Piombino – ha detto Simoncini – ha un valore strategico per tutta la Toscana. Per questo saranno attivate linee specifiche per l'area, sia nei bandi di ricerca e sviluppo e innovazione di prossima uscita, sia per quanto riguarda l'ingegneria finanziaria, con particolare attenzione al fondo rotativo, e le garanzie".

L'accordo di programma su Piombino - sottoscritto fra il governo, la Regione e gli enti locali -  ha una dotazione di 20 milioni di euro.

Il governatore Enrico Rossi, dopo la conferenza dei servizi in cui ha ribadito il proprio no alla rottamazione della Concordia nel porto di Genova, ha ricordato che il porto di Piombino è l'unico in Italia che detiene attualmente l'autorizzazione alla rottamazione delle navi. 

''Quindi, al di là dell'operazione Concordia - ha detto Rossi - i lavori per l'escavo e la nuova banchina destinata ad accogliere le grandi navi proseguiranno a ritmo serrato''. 

Per attrezzare la banchina invece l'Autorità portuale di Piombino dovrà invece mettere a punto un bando per coinvolgere imprenditori privati. 

''Anche gli imprenditori che hanno presentato le proposte per rilevare parte della Lucchini - ha precisato Rossi con riferimento alla Jindal South West - hanno apprezzato i nostri investimenti e la valenza logistica del porto''.

La Regione sta portando avanti anche il confronto con il Ministero della Difesa per la demolizione a Piombino di navi della marina militare.

Enrico Rossi - dichiarazione


Tag

Siria, Conte: «Italia capofila sullo stop alle armi», poi perde la pazienza con il cronista: «Mi faccia rispondere»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità