comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
Toscana Media News quotidiano online.
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:42 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Toscana Media News - Giornale Online
lunedì 23 novembre 2020
corriere tv
Genovese, la 18enne vittima degli abusi: «Ho subito una violenza sessuale da più persone...una era sicuramente Genovese»

Attualità mercoledì 28 ottobre 2020 ore 14:15

Il "cavallo di Troia" che stermina i super-batteri

Francesco Menichetti

Uno studio messo a punto all’ospedale di Cisanello dimostra l'efficacia di un nuovo antibiotico sulle infezioni che colpiscono anche i malati Covid-19



PISA — Uno studio pisano dimostra l'efficacia di un nuovo antibiotico sulle infezioni secondarie da super batteri, che colpiscono anche i malati di Covid-19. Pubblicato sulla rivista Clinical Infections Diseases, dimostrerebbe l'azione positiva del Cefiderocol, un antibiotico approvato dall’Agenzia europea per i medicinali lo scorso aprile, su pazienti fragili affetti anche da Covid-19, nella cura delle infezioni secondarie da batteri Gram-negativi e multi- resistenti.

L'antibiotico, attualmente in fase di valutazione all'Agenzia italiana del farmaco, funziona come un cavallo di Troia: si serve del sistema di assorbimento del ferro proprio dei batteri per aprirsi un varco nelle cellule batteriche.

Lo studio riporta l’esperienza condotta nell’Unità operativa di Malattie infettive dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana diretta dal professore Francesco Menichetti su 10 pazienti critici di età media di 75 anni, cinque dei quali ricoverati per polmonite Sars-CoV-2, 4 ustionati ed un malato chirurgico, tutti in ventilazione meccanica invasiva in terapia intensiva e due in terapia sostitutiva renale continua. 

"A seguito del fallimento delle terapie antibiotiche iniziali e dello sviluppo anche di tossicità correlata - spiega l'Aoup-  è stato somministrato cefiderocol, in monoterapia in 9/10 pazienti. La durata del trattamento è stata di 14 giorni e il successo clinico a 30 giorni è stato del 70 per cento, mentre la sopravvivenza a 30 giorni del 90 (con un solo decesso, un paziente con Covid-19)".

"Lo studio messo a punto all’ospedale di Cisanello - commenta Marco Falcone, professore associato di Malattie infettive del Dipartimento di Medicina clinica e sperimentale dell’Università di Pisa e primo autore della pubblicazione- rappresenta oggi la più ampia esperienza mondiale con questo antibiotico, che ha bypassato i meccanismi di resistenza e che noi abbiamo somministrato sui pazienti affetti da Covid-19 in quanto più suscettibili a infezioni batteriche secondarie, che ne hanno aggravato il quadro clinico. Ci auguriamo che questa nuova opzione terapeutica, fornitaci per un uso compassionevole, sia al più presto disponibile su larga scala”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità