Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 12° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 21 novembre 2019

Attualità giovedì 15 ottobre 2015 ore 15:01

Il supermarket dell'eroina fuori dalla scuola

Smascherata una banda che gestiva il mercato della droga tra Pistoia e Montecatini. Più di mille le cessioni di stupefacente scoperte dalla polizia



PISTOIA — La misura cautelare del fermo, emessa dal giudice per le indagini preliminari, è stata eseguite dalla polizia nei confronti di sei persone, tutte di origine nordafricana: si tratta di quattro nigeriani, un ghanese e un sudanese. Le indagini, iniziate a gennaio 2015, hanno dimostrato che i sei uomini avevano il totale controllo del territorio e del mercato dello spaccio. 

Gli arresti costituiscono un nuovo capitolo dell'operazione Underpassche già aveva portato all'arresto di sette persone e al sequestro di un chilo di eroina confezionata in involucri ovali, trovati insieme a 62.225 euro nella casa di una donna di origine nigeriana a Montecatini. 

I servizi di controllo nelle zone segnalate come centrali dello spaccio, hanno permesso di effettuare altri sequestri di droga. Le strade monitorate a Pistoia sono state, oltre al sottopasso ferroviario tra via Calamandrei e via Gorizia, il parcheggio ex mercato ortofrutticolo, viale Pacinotti, via Pertini, via dei Buti. A Montecatini l'attività si è svolta intorno alle due stazioni, alla rotonda nei pressi del palazzetto dello sport e in via Marruota per Montecatini. Alla fine sono state sequestrate 11 dosi di eroina già confezionate e termosaldate.

La tecnica, ripresa anche dalle telecamere utilizzare, era rodata. Lo spacciatore portava l'eroina confezionata in bocca e, dopo averla ceduta, pretendeva che anche il cliente facesse lo stesso per evitare che qualcuno potesse intuire lo scambio. Queste immagini, insieme alle telefonate intercettate sulle utenze telefoniche acquisite dalla polizia, hanno permesso di avere le prove dell'attività di spaccio. 

Un'attività ormai consolidata, a cadenza quotidiana. A destare preoccupazione, è stata non solo la quantità di droga smerciata, ma anche la collocazione scelta degli spacciatori, spesso vicina agli istituti scolastici delle due città. Tra i clienti, infatti, sono stati identificati anche dei minori. 

Da qui la necessità di procedere al fermo, anche perché, secondo gli investigatori, esisteva un serio pericolo di fuga dei sei indagati, quasi tutti irregolari in Italia. 



Tag

Ex Ilva, Conte: «All'incontro con il signor Mittal porterò la determinazione di un paese del G7»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità