Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 16°28° 
Domani 16°27° 
Un anno fa? Clicca qui
martedì 18 settembre 2018

Attualità giovedì 19 novembre 2015 ore 16:00

Vivaismo, il rischio attentati danneggia l'export

Attenzione alta sulle ripercussioni che la situazione internazionale potrebbe avere su un settore vitale del tessuto economico toscano



PISTOIA — Le previsioni sui mercati, forse in modo un po' cinico, avevano fatto presagire che ci sarebbe stato un tonfo dopo gli attentati di venerdì 13 novembre a Parigi. Non è successo, almeno nel mondo dell'alta finanza. Ma in quello dell'economia reale le cose sono un po' diverse. 

A sollevare il problema, per quanto riguarda il florovivaismo, è Francesco Mati, presidente nazionale della Federazione nazionale prodotto florovivaistico di Confagricoltura alla vigilia dell'incontro che si svolgerà domani, venerdì 20 a Brescia, Florovivaismo, chiediamo aiuto al Governo.

"I tragici fatti di Parigi alimentano una crisi internazionale che impatta su un export che è sempre stato di vitale importanza per il florovivaismo - spiega Mati - c'è tutta una serie di problemi che saranno affrontati per cercare di dare valore all'intero settore". 

Un settore che, se si guarda il diagramma a torta del Pil agricolo regionale, rappresenta il 30 per cento del totale. Sono circa 3.600 le aziende florovivaistiche censite che operano su una superficie di 7.240 ettari. Allargando lo sguardo, la produzione toscana è il 6 per cento del totale raggiunto dall'Europa a 27 Paesi. In particolare a Pistoia, le aziende sono di vecchia data, raggiungendo anche i 150 anni di storia.

"Serve portare avanti il lavoro già avviato con il Ministero all'agricoltura - aggiunge Mati - dando seguito a interventi volti a superare le difficoltà riscontrate. Dall'incontro uscirà un documento che conterrà questi ed altri punti volti per dimostrare come si potrà aumentare l'occupazione, riconoscere la professionalità del settore, aumentare il gettito fiscale,risparmiare su onerosi costi di manutenzione a carico di piante esaurite".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca