Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 10° 
Domani 7° 
Un anno fa? Clicca qui
giovedì 05 dicembre 2019

Cronaca venerdì 24 maggio 2019 ore 17:00

Rogo Macrolotto, proprietari assolti in Cassazione

La Suprema Corte ha annullato la condanna d'appello a quattro anni per i due proprietari del capannone in cui nel 2013 morirono sette operai cinesi



PRATO — Per la Cassazione i due fratelli Giacomo e Massimo Pellegrini, proprietari del capannone di via Toscana dove il 1 dicembre si scatenò il terribile incendio costato la vita a sette lavoratori cinesi, non sono colpevoli. La Suprema Corte ha infatti annullato senza rinvio la sentenza emessa dalla terza sezione penale della Corte d'Appello di Firenze con cui entrambi erano stati condannati a quattro anni di reclusione per omicidio colposo plurimo aggravato. 

Le uniche persone condannate per i tragici fatti di via Toscana restano quindi le sorelle Lin Youlan e Lin Youli, proprietarie di fatto della ditta che nell'immobile era stata allestita. Le loro pene, rispettivamente a 8 anni e 6 mesi e a 6 anni e 10 mesi, sono state confermate in Cassazione.

Le sette vittime dell'incendio, secondo quanto stabilito dall'autopsia, morirono intossicate dalle sostanze tossiche sprigionate dalle stoffe di nylon che andarono a fuoco nel rogo. 

Entro sessanta giorni saranno depositate le motivazioni della sentenza della Cassazione.



Tag

Legittima difesa: cosa cambia con la nuova legge

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità