Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 18°31° 
Domani 19°31° 
Un anno fa? Clicca qui
lunedì 19 agosto 2019

Attualità sabato 12 settembre 2015 ore 08:43

Profughi al lavoro nei consorzi di bonifica

La Regione sta lavorando alla convenzione. Il lavoro, su base volontaria, sarà preceduto da un breve corso di formazione



FIRENZE — I migranti saranno impegnati in piccoli interventi aggiuntivi e diversi da quelli già svolti dal personale interno dei consorzi o dalle ditte che lavorano in appalto, come la manutenzione di canali agricoli, la  pulizia delle sponde di fiumi e torrenti, il censimento delle opere idrauliche. Attività che saranno tutte manuali e senza uso di macchinari. In Regione si pensa anche ad un possibile coinvolgimento dei rifugiati nella cura dei parchi regionali.

Il punto della situazione è stato fatto nella sede della presidenza della Regione in una riunione con il governatore Rossi a cui erano stati invitati tutti i soggetti che, su incarico delle prefetture, stanno gestendo l'accoglienza dei migranti. Una riunione a cui ne seguiranno altre.

"Il confronto ci aiuterà ad avere linee e regole di condotta comuni – conferma l'assessore alla presidenza, Vittorio Bugli -. Aiuterà a scambiarsi buone pratiche e risolvere così più facilmente i problemi in cui qualcuno si possa imbattere. Servirà anche alla Regione per avere un quadro più preciso e diretto di cosa si sta facendo sul territorio".

I consorzi di bonifica utilizzeranno i migranti che hanno richiesto asilo in Italia.

Dall'aprile 2014 ad oggi, i rifugiati e richiedenti asilo accolti in Toscana sono 5.548, 

Sono invece circa 350 le  famiglie pronte ad accogliere in casa uno o più rifugiati che hanno chiamato il numero verde speciale 331.6983061 attivato dalla Regione.

Anche il viceministro alle infrastrutture Riccardo Nencini ha offerto un'abitazione di sua proprietà nel Mugello.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Spettacoli

Attualità

Cronaca