Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
mercoledì 26 febbraio 2020

Cronaca mercoledì 11 ottobre 2017 ore 13:31

Botte, minacce e fuoco, l'estorsione è servita

il procuratore capo Giuseppe Creazzo

Arrestati nel grossetano un commercialista e un imprenditore. La vittima è il titolare di un'altra azienda. Minacce anche alla famiglia



GROSSETO — Sono accusati di estorsione aggravata con l'utilizzo del metodo mafioso e poi di furto, lesioni personali e danneggiamento a seguito di un incendio un commercialista di Follonica di 57 anni e un imprenditore di Scarlino di 47, originario di Catania. 

I due sono stati arrestati dai carabinieri in collaborazione con la Guardia di Finanza al termine di una lunga inchiesta, coordinata dalla direzione distrettuale antimafia fiorentina e iniziata nel 2014.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, i due, insieme ad altri individui, hanno per molto tempo messo in atto minacce, intimidazioni, soprusi e atti di violenza nei confronti di un altro imprenditore al quale il catanese aveva affittato alcuni capannoni.

L'obiettivo era rientrare in possesso degli immobili e tagliare fuori la vittima dalle imprese che aveva avviato, costringendolao a lasciare la Maremma.

Nell'inchiesta è coinvolto anche un cancelliere del tribunale di Grosseto, accusato di corruzione per aver fornito notizie riservate al commercialista.



Tag

Milano, viaggio in metropolitana con la paura del coronavirus

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità