comscore
Toscana Media News quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5865 del 8.03.2012.
FIRENZE
Oggi 19°24° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Toscana Media News - Giornale Online
giovedì 24 settembre 2020
Giani
863.595
 
48.62%
Ceccardi
718.625
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.668
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
Venezia, la guida speciale che non mostra ai turisti i monumenti ma gli effetti dell'acqua alta

Cronaca domenica 15 dicembre 2019 ore 21:36

In trappola sulla parete di roccia ghiacciata

Due giovani, uno di Prato l'altro di Torino, sono rimasti bloccati lungo un sentiero del Cai a Sestola. Salvati dal Soccorso alpino emiliano



SESTOLA — Due ragazzi, uno di 22 anni residente a Prato e l’altro di 25 anni residente in provincia di Torino, di una comitiva, sono partiti nel primo pomeriggio dal Rifugio Lago della Ninfa (Sestola), dopo aver pernottato insieme agli amici, per rientrare a casa. 

La comitiva è partita, ma loro, leggermente in ritardo sono partiti dopo una decina di minuti. Non molto pratici della zona e poco attrezzati per l’ambiente invernale, nessuno di loro aveva la piccozza e solo uno era dotato di ramponi, giunti in prossimità di un bivio hanno sbagliato direzione imboccando il sentiero cai 449 che porta alla base di una parete rocciosa. 

Ad un certo punto si sono accorti che il sentiero cominciava a diventare molto impegnativo e iniziava a fare buio.

Molto impauriti e preoccupati hanno chiamato il 118 per chiedere aiuto. Erano circa le 17 e a Centrale Operativa di Bologna, invia sul posto l’ambulanza di Sestola e la squadra del Soccorso e Speleologico, stazione Monte Cimone. 

Il caposquadra del CNSAS contatta telefonicamente i ragazzi e riesce ad individuare la zona. Raggiunti dal personale del Soccorso Alpino i due escursionisti, molto infreddoliti, ma in buone condizioni di salute, sono stati messi in sicurezza. Essendo così poco attrezzati, i tecnici hanno dovuto piantare dei chiodi nella parete a ancorare una corda per consentirgli di scendere in sicurezza fino al sentiero che porta alla partenza dell’impianto di risalita.

Arrivati nel tratto di sentiero meno impegnativo i due uomini sono poi stati caricati sul quod del Soccorso Alpino e consegnati all’ambulanza. Dopo valutazione sanitaria i due escursionisti hanno rifiutato il ricovero. Sul posto anche i Carbinieri



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS